10 metriche di monitoraggio delle e-mail da monitorare

26721539 s

Mentre visualizzi le tue campagne e-mail, ci sono una serie di metriche su cui devi concentrarti per migliorare le prestazioni complessive dell'email marketing. I comportamenti e le tecnologie della posta elettronica si sono evoluti nel tempo, quindi assicurati di aggiornare i mezzi con cui monitori le prestazioni della posta elettronica. In passato, abbiamo anche condiviso alcuni dei file formule dietro le principali metriche di posta elettronica.

  1. Posizionamento della posta in arrivo - evitare le cartelle SPAM e i filtri della posta indesiderata devono essere monitorati se hai un numero significativo di iscritti (100k +). La reputazione del tuo mittente, il file verbosità usata nelle righe dell'oggetto e corpo del messaggio... tutte queste sono metriche critiche da monitorare che in genere non sono offerte dal tuo provider di email marketing. Monitoraggio dei fornitori di servizi di posta elettronica deliverability, non il posizionamento della posta in arrivo. In altre parole, le tue e-mail possono essere consegnate ... ma direttamente al filtro della posta indesiderata. Hai bisogno di una piattaforma come 250ok per monitorare il posizionamento della posta in arrivo.
  2. Reputazione del mittente - Insieme al posizionamento della posta in arrivo c'è la reputazione del tuo mittente. Sono in qualche lista nera? I loro record sono configurati correttamente per consentire ai provider di servizi Internet (ISP) di comunicare e verificare di essere autorizzati a inviare la tua posta elettronica? Questi sono problemi che spesso richiedono a deliverability consulente per aiutarti a configurare e gestire i tuoi server o verificare il servizio di terze parti da cui stai inviando. Se stai utilizzando una terza parte, potrebbero avere una pessima reputazione che ottengono le tue e-mail direttamente nella cartella della posta indesiderata o addirittura bloccate del tutto. Alcune persone utilizzano SenderScore per questo, ma gli ISP non controllano il tuo SenderScore... ogni ISP ha i propri mezzi per monitorare la tua reputazione.
  3. Conservazione degli elenchi - si dice che fino al 30% di una lista possa cambiare indirizzi email nel corso di un anno! Ciò significa che, affinché il tuo elenco continui a crescere, devi mantenere e promuovere il tuo elenco, nonché mantenere il resto dei tuoi abbonati per rimanere in buona salute. Quanti abbonati si perdono a settimana e quanti nuovi abbonati stai acquisendo? Mentre frequenza di rimbalzo per campagna sono generalmente forniti, sono sorpreso che la conservazione dell'elenco complessivo non sia l'obiettivo principale dei fornitori di servizi di posta elettronica! La conservazione degli elenchi è una metrica chiave per riconoscere la qualità del contenuto di posta elettronica che stai distribuendo.
  4. Rapporti di spam - Quanti iscritti hanno segnalato la tua email come posta indesiderata? Si spera nessuno, ma se ne hai più di alcuni per ogni invio devi preoccuparti di dove stai ottenendo questi abbonati e della pertinenza del contenuto che stai inviando loro. Forse stai inviando troppe e-mail, sono troppo commerciali o stai acquistando liste ... tutto ciò potrebbe portare a reclami di SPAM elevati che alla fine possono impedirti di inviare del tutto.
  5. Tariffa aperta - Le aperture vengono monitorate avendo un pixel di tracciamento incluso in ogni e-mail inviata. Poiché molti client di posta elettronica bloccano le immagini, tieni presente che il tuo vero tasso di apertura sarà sempre molto più alto del tasso di apertura effettivo che vedi nella tua email analitica. Le tendenze del tasso di apertura sono importanti da tenere d'occhio perché indicano quanto bene stai scrivendo le righe dell'oggetto e quanto sia prezioso il tuo contenuto per l'abbonato.
  6. Fai clic su Valuta - Cosa vuoi che le persone facciano con le tue e-mail? Riportare le visite al tuo sito è (si spera) una strategia primaria delle tue campagne di email marketing. Assicurati di avere forti inviti all'azione nelle tue e-mail e stai promuovendo quei collegamenti in modo efficace dovrebbe essere incorporato nelle strategie di ottimizzazione del design e dei contenuti.
  7. Fare clic per aprire la tariffa - (CTO o CTOR) Delle persone che hanno aperto la tua email, qual è stata la percentuale di clic? Viene calcolato prendendo il numero di abbonati univoci che hanno fatto clic su una campagna e dividendolo per il numero univoco di abbonati che hanno aperto l'email. Questa è una metrica importante perché quantifica il coinvolgimento con ciascuna campagna.
  8. Tasso di conversione – Quindi li hai fatti cliccare, si sono davvero convertiti? Il monitoraggio delle conversioni è una funzionalità di molti provider di servizi di posta elettronica che non viene sfruttata come dovrebbe essere. In genere richiede uno snippet di codice nella pagina di conferma per una registrazione, un download o un acquisto. Il monitoraggio delle conversioni ritrasmette le informazioni alla tua email analitica che hai effettivamente completato l'invito all'azione promosso nell'email.
  9. Tasso di apertura mobile - Questo è così enorme al giorno d'oggi ... nel B2B la maggior parte delle tue e-mail viene aperta su un dispositivo mobile. Ciò significa che devi prestare particolare attenzione a come il tuo le righe dell'oggetto sono costruite e assicurati di utilizzare progetti di posta elettronica reattivi essere visualizzati correttamente e migliorare le percentuali di apertura e di clic complessive.
  10. Valore medio dell'ordine - (AOV) In definitiva, il monitoraggio di un indirizzo email da un abbonamento, attraverso il nutrimento, fino alla conversione è fondamentale poiché stai misurando il rendimento delle tue campagne email. Sebbene i tassi di conversione possano rimanere in qualche modo costanti, la quantità di denaro effettivamente spesa dagli abbonati può variare notevolmente.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.