Cocaina e blog

Lewis Green ha scritto un post fantastico, chiamato Dov'è il manzo nel blog?, dai un'occhiata quando ne hai l'opportunità.

CocainaQuando andavo al college, uno dei documenti e delle analisi che ho fatto riguardava la dipendenza da cocaina. Mi scuso in anticipo per non aver fornito credito per le mie fonti, ma ecco il punto. Il tossicodipendente di successo libera la sua abitudine in media nel suo nono anno di recupero. Nono anno! In altre parole, allestisci oggi un centro di riabilitazione e non recupererai i benefici per nove anni.

Il problema? I politici vengono votati ogni 4 anni. L'enigma è che se un'area metropolitana ha un enorme problema con la cocaina, i crimini seguono... furti, risse, omicidi, ecc. I politici più ostinati vengono votati per "risolvere" il problema. Ma hanno davvero bisogno di nove anni per aggiustarlo, no? Hmm. Hanno solo 4 anni.

Quindi la soluzione cambia dal recupero all'incarcerazione. I politici di successo in realtà non aiutano a migliorare i tassi di recupero dei consumatori di cocaina, semplicemente ne eliminano il maggior numero possibile prima delle prossime elezioni. Non hanno davvero scelta. Gli elettori chiedono risultati. Di conseguenza, le nostre carceri sono piene di tossicodipendenti che continueranno a essere rilasciati, incarcerati, rilasciati, incarcerati, ecc.

A lungo termine, il costo dell'incarcerazione fa impallidire il costo di un centro di recupero. Quando dai un'occhiata al budget annuale della "guerra alla droga" negli Stati Uniti, tuttavia, scoprirai che il budget per la ripresa è a malapena una specifica nell'intero budget. Non c'è fine, né c'è speranza a meno che la scienza non possa in qualche modo intervenire e abbreviare il ciclo di recupero.

Cosa c'entra la cocaina con i blog?

Il blog come strategia di marketing è semplicemente questo, una strategia. Il blog non è un evento. Ogni post è collegato all'ultimo e porta al successivo. Un singolo post sul blog non ti porterà da nessuna parte, ma migliaia di loro inizieranno assolutamente a creare una comunità di lettori e un'immagine molto chiara della tua conoscenza, esperienza e personalità. Aumenteranno anche la consapevolezza del tuo marchio e della tua personalità, autorità e posizionamento nei motori di ricerca.

Allora... dov'è il ROI su quello?

Devi fornire il ROI per i tuoi dollari di marketing, giusto? Hai 10 blog sul tuo sito web aziendale, spendendo ore di 10 dirigenti ogni settimana per scriverli e uno staff IT per supportarli. Sono un sacco di soldi su quell'elemento pubblicitario, vero? E dopo un anno, cosa devi dimostrare per questo? Hai più affari? Hai più profitto?

Qui è dove il problema alza la sua brutta testa. Il ciclo di budgeting per l'anno è terminato e non hai nulla da dimostrare. Nessuno dei tuoi nuovi clienti può essere indicato come proveniente dal tuo blog. Questa roba non funziona! È tutto un clamore per il Web 2.0! Non pubblichiamo un blog e otteniamo più clienti. Compriamo banner pubblicitari e fanno meglio del nostro blog.

Certo che lo fanno.

Il problema con gli annunci è che non costruiscono la tua reputazione. Non consentono ai tuoi potenziali clienti o clienti di avere una conversazione con te. Non aiutano nell'ottimizzazione dei motori di ricerca. Non si traducono nel marketing del passaparola. Non aiutano nella fidelizzazione dei clienti.

Quindi, piuttosto che trattare le tue relazioni e il tuo recupero con cura nel lungo periodo, devi scegliere di buttarlo in prigione. Il tuo programma di marketing diventa la porta girevole di una prigione ... annunci acquistati, risultati mediocri, annunci acquistati, risultati mediocri, ancora e ancora.

Tocca a voi. La questione è davvero strategica. Se sei disposto a mettere da parte tempo e risorse per costruire la tua presenza e autorità online (e hai il talento per farcela), vedrai i risultati. Il tuo marchio si rafforzerà, il tuo telefono squillerà e ti ritroverai circondato da una rete insostituibile di clienti, lettori, fan, amici e risorse. Scoprirai che i tuoi siti web riceveranno molta più attenzione.

Un mio collega che sta avviando la propria attività online implementando tecnologie di blogging mi ha detto a pranzo: "Ovunque cerchiamo informazioni sul blog, vediamo il tuo nome Doug!". Non è affatto così. sono non un blogger di serie A e il mio nome non è ovunque. Tuttavia, è spicca quando lo vedono perché mi conoscono.

Allora, qual è il tuo ritorno sull'investimento, Doug?

Scrivo sul blog da meno di un anno e ho avuto una mezza dozzina di impegni in più con professionisti del settore, ho avuto un paio di A-listers che visitano il mio sito e lo commentano, un editore ha letto un libro che ho Sto scrivendo (mi ha dato ottimi consigli!), sono stato intervistato dalla televisione locale e dai notiziari, mi è stata offerta una partnership in un'azienda e mi sono fatto innumerevoli amici. Ho più soldi in tasca? Probabilmente no... ma sta arrivando.

Sarei disposto a lavorare su questo per altri 9 anni, ma credetemi, non dovrò farlo. I risultati saranno qui presto. Un paio di settimane fa, ho pranzato con il CEO di Soluzioni bit per bit e mi ha fatto la domanda: "Dov'è il ROI?"

Il ROI sta arrivando, ho detto. Ho paragonato il mio impegno nel blog all'andare al college. Quando inizi il college e investi centinaia di migliaia di dollari in un'istruzione, non ti fermi ogni trimestre o anno e non ti chiedi dove sia il ROI. Sai che sta arrivando perché stai costruendo la tua autorità, credibilità, esperienza ed educazione.

Non vedo l'ora della mia laurea. Non so quando arriverà, ma sarà qui prima che tu lo sappia.

Commenti

  1. 1
  2. 3
  3. 4

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.