Targeting contestuale: la risposta ad ambienti pubblicitari sicuri per il brand?

Targeting contestuale: ambienti pubblicitari sicuri per il brand

Le crescenti preoccupazioni sulla privacy di oggi, insieme alla scomparsa dei cookie, significa che i professionisti del marketing ora devono offrire campagne più personalizzate, in tempo reale e su larga scala. Ancora più importante, devono dimostrare empatia e presentare i loro messaggi in ambienti sicuri per il marchio. È qui che entra in gioco il potere del targeting contestuale.

Il targeting contestuale è un modo per indirizzare gli annunci a segmenti di pubblico pertinenti utilizzando parole chiave e argomenti derivati ​​dal contenuto attorno allo spazio pubblicitario, che non richiede un cookie o un altro identificatore. Ecco alcuni dei principali vantaggi del targeting contestuale e perché è un must per qualsiasi esperto di marketing digitale o inserzionista.

Il targeting contestuale fornisce un contesto oltre il testo

I motori di targeting contestuale veramente efficaci sono in grado di elaborare tutti i tipi di contenuti presenti in una pagina, per fornire una vera guida a 360 gradi sul significato semantico della pagina. 

Il targeting contestuale avanzato analizza testo, audio, video e immagini per creare segmenti di targeting contestuale che vengono poi abbinati a particolari requisiti dell'inserzionista, in modo che la pubblicità appaia in un ambiente pertinente e appropriato. Quindi, ad esempio, un articolo sugli Australian Open potrebbe mostrare Serena Williams che indossa le scarpe da tennis Nike del partner di sponsorizzazione, quindi un annuncio di scarpe sportive potrebbe apparire nell'ambiente pertinente. In questo caso, l'ambiente è rilevante per il prodotto. 

Alcuni strumenti avanzati di targeting contestuale hanno anche capacità di riconoscimento video, in cui possono analizzare ogni fotogramma di contenuto video, identificare loghi o prodotti, riconoscere immagini sicure del marchio, con trascrizione audio che informa tutto, per fornire un ambiente ottimale per il marketing all'interno e intorno a quel pezzo di contenuti video. Ciò include, soprattutto, ogni fotogramma all'interno del video e non solo il titolo, la miniatura e i tag. Questo stesso tipo di analisi viene applicato anche ai contenuti audio e alle immagini, per garantire che il sito nel suo insieme sia sicuro per il marchio. 

Ad esempio, uno strumento di targeting contestuale può analizzare un video che contiene immagini di un marchio di birra, identificare attraverso l'audio e il video che si tratta di un ambiente sicuro per il marchio e informare i professionisti del marketing che si tratta di un canale ottimale e di contenuti di marketing sulla birra per apparire al pubblico di destinazione pertinente.

Gli strumenti meno recenti potrebbero analizzare solo i titoli dei video o l'audio e non approfondire le immagini, il che significa che gli annunci potrebbero finire in un ambiente inappropriato. Ad esempio, il titolo di un video potrebbe essere innocuo e ritenuto "sicuro" da uno strumento contestuale meno recente, come "Come fare un'ottima birra", tuttavia il contenuto del video stesso potrebbe essere gravemente inappropriato, come un video di adolescenti minorenni che girano birra - ora la pubblicità del marchio in quell'ambiente è qualcosa che nessun operatore di marketing può attualmente permettersi.

Alcune soluzioni hanno creato un mercato contestuale primo del settore che consente a partner tecnologici selezionati di collegare i loro algoritmi proprietari come ulteriore livello di targeting e offrire protezione ai marchi da contenuti razzisti, inappropriati o tossici, che possono essere applicati per garantire la sicurezza e l'idoneità del marchio sono gestiti correttamente. 

Il targeting contestuale promuove ambienti sicuri per il marchio

Un buon targeting contestuale garantisce inoltre che il contesto non sia associato negativamente a un prodotto, quindi per l'esempio precedente, garantirebbe che l'annuncio non venga visualizzato se l'articolo era negativo, notizie false, contenevano pregiudizi politici o disinformazione. Ad esempio, l'annuncio di scarpe da tennis non verrebbe visualizzato se l'articolo parla di come le scarpe da tennis di cattivo gusto causano dolore. 

Questi strumenti consentono approcci più sofisticati rispetto alla semplice corrispondenza delle parole chiave e consentono agli operatori di marketing di nominare gli ambienti che desiderano includere e, soprattutto, quelli che desiderano escludere, come i contenuti che utilizzano incitamento all'odio, iper partigianeria, iperpoliticismo, razzismo, tossicità, stereotipi, ecc. Ad esempio, soluzioni come 4D consentono l'esclusione automatica avanzata di questi tipi di segnali attraverso integrazioni esclusive con partner specializzati come Factmata e altri segnali contestuali possono essere aggiunti per migliorare la sicurezza di dove viene visualizzato un annuncio.

Uno strumento di targeting contestuale affidabile può analizzare i contenuti e avvisarti di violazioni sfumate della sicurezza del marchio come:

  • Clickbait
  • Razzismo
  • Iper politicismo o pregiudizi politici
  • notizie false
  • Disinformazione
  • Discorso dell'odio
  • Hyper partigianeria
  • Tossicità
  • stereotipi

Il targeting contestuale è più efficace rispetto all'utilizzo di cookie di terze parti

Il targeting contestuale si è effettivamente dimostrato più efficace del targeting utilizzando cookie di terze parti. In effetti, alcuni studi suggeriscono che il targeting contestuale può aumentare l'intenzione di acquisto del 63%, rispetto al targeting a livello di pubblico o canale.

Gli stessi studi trovati 73% di consumatori ritengono che gli annunci contestualmente pertinenti completino il contenuto complessivo o l'esperienza video. Inoltre, i consumatori mirati al livello contestuale avevano l'83% di probabilità in più di consigliare il prodotto nella pubblicità rispetto a quelli indirizzati al livello del pubblico o del canale.

La preferenza generale del marchio era 40% più alto per i consumatori mirati al livello contestuale e i consumatori hanno pubblicato annunci contestuali hanno riferito che avrebbero pagato di più per un marchio. Infine, gli annunci con la rilevanza più contestuale hanno suscitato il 43% in più di impegni neurali.

Questo perché raggiungere i consumatori nella giusta mentalità al momento giusto fa risuonare meglio gli annunci e quindi migliora l'intenzione di acquisto molto più di un annuncio irrilevante che segue i consumatori su Internet.

Ciò non sorprende. I consumatori sono bombardati quotidianamente da marketing e pubblicità, ricevendo migliaia di messaggi ogni giorno. Ciò richiede loro di filtrare in modo efficiente e rapido i messaggi irrilevanti, in modo che solo i messaggi pertinenti passino per un'ulteriore considerazione. Possiamo vedere questo fastidio dei consumatori per il bombardamento riflesso nell'aumento dell'uso di ad blocker. I consumatori, tuttavia, sono ricettivi ai messaggi che sono rilevanti per la loro situazione attuale e il targeting contestuale aumenta la probabilità che un messaggio sia rilevante per loro nel momento. 

Il targeting contestuale completa la pubblicità programmatica

La cosa più preoccupante per coloro che si preoccupano della perdita del cookie è cosa ciò potrebbe significare per il programmatico. Tuttavia, il targeting contestuale facilita effettivamente la programmazione, nella misura in cui supera l'efficacia del cookie. Questa è una buona notizia per i professionisti del marketing, considerando che un recente rapporto ha rilevato che il retargeting programmatico che fa affidamento sui cookie ha sovrastimato la copertura dell'annuncio dell'89%, la frequenza sottostimata del 47% e la conversione sottostimata per display e video del 41%.

Tuttavia, il targeting contestuale funziona meglio con il programmatic perché può essere offerto in tempo reale, su larga scala, in ambienti più pertinenti (e sicuri) rispetto al programmatic alimentato dal cookie di terze parti. In effetti, è stato recentemente segnalato che il contestuale è in realtà meglio allineato al programmatic rispetto a qualsiasi altro tipo di targeting.

Le nuove piattaforme offrono anche la possibilità di importare dati di prima parte da DMP, CDP, ad server e altre fonti, che una volta alimentati tramite un motore di intelligence, estraggono approfondimenti contestuali che possono essere applicati nella pubblicità programmatica. 

Tutto ciò significa che una combinazione di targeting contestuale e dati di prima parte offre ai marchi l'opportunità di creare una connessione più stretta con i propri consumatori associandosi al contenuto che li coinvolge effettivamente.

Il targeting contestuale sblocca un nuovo livello di intelligenza per i professionisti del marketing

La prossima generazione di strumenti contestualmente intelligenti può aprire potenti opportunità per i professionisti del marketing per sfruttare meglio le tendenze dei consumatori e rafforzare la pianificazione e la ricerca sui media, il tutto fornendo una visione più approfondita delle tendenze e dei contenuti appropriati.

Il targeting contestuale non solo aumenta l'intenzione di acquisto, ma lo fa anche con una spesa inferiore, riducendo notevolmente il costo per conversione post-cookie, un risultato di vitale importanza nell'attuale clima economico. 

E iniziamo a vedere più strumenti di targeting contestuale che sfruttano i dati di prima parte da qualsiasi DMP, CDP o Ad Server supportato, ora possiamo iniziare a vedere come questo può essere trasformato in intelligenza contestuale per alimentare contesti omnicanale utilizzabili, risparmiando tempo agli operatori di marketing a corto di tempo e agli inserzionisti tempo e impegno considerevoli creando e distribuendo il contesto perfetto tutto in una volta. Ciò garantisce quindi la consegna di messaggi ottimali in un ambiente sicuro per il marchio su display, video, nativi, audio e TV indirizzabile.

La pubblicità contestuale che utilizza l'IA rende un marchio più riconoscibile, più rilevante e offre più valore ai consumatori, rispetto agli annunci mirati a livello comportamentale che utilizzano cookie di terze parti. È importante sottolineare che aiuta i marchi, le agenzie, gli editori e le piattaforme pubblicitarie a trasformare un nuovo angolo nell'era post-cookie, assicurando che gli annunci siano allineati con contenuti e contesto specifici su tutti i canali, facilmente e rapidamente. 

Andando avanti, il targeting contestuale consentirà agli operatori di marketing di tornare a ciò che dovrebbero fare: forgiando una connessione reale, autentica ed empatica con i consumatori nel posto giusto e al momento giusto. Man mano che il marketing torna "al futuro", il targeting contestuale rappresenterà il modo più intelligente e sicuro per promuovere messaggi di marketing migliori e più significativi su larga scala.

Scopri di più sul targeting contestuale qui:

Scarica il nostro white paper sul targeting contestuale

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.