Quando un'azienda dovrebbe immergersi nei social media?

piano di social media

Gran parte della nostra conversazione nella sessione di Corporate Blogging BlogINDIANA è stata quando un'azienda dovrebbe immergersi nei social media, che dovrebbero immergersi nei social media e come dovrebbero gestire la loro reputazione online. Per il post di oggi, affronterò la domanda quando.

Molte persone diranno, oggi! Adesso! Ieri! Io non. Consiglio che i social media e il blogging non sono una strategia di marketing, sono una strategia aziendale. Non è semplicemente mettersi sul mercato per salta sull'ultimo carrozzone e i consumatori verranno da te. I social media richiedono tempo, una strategia e le giuste risorse (sia strumenti che persone).

tuffarsi nella piscina vuota

Foto da TuttiPoster.

I social media richiedono un livello di trasparenza e autenticità con cui molte aziende non si trovano a proprio agio. Le aziende non rispondono solo ai clienti: rispondono alla concorrenza, all'industria, agli azionisti, ai dipendenti e ai potenziali clienti. In altre parole, i social media possono e avranno un impatto su ogni reparto della tua azienda e sui dipendenti a tutti i livelli. Devi essere preparato.

Se pensi di avere successo lanciando un blog WordPress, ti sbagli. Rischi di precipitare in un'imbarazzante presenza online da cui avrai più difficoltà a tirarti fuori rispetto a quando non ti fossi immerso per niente. Consulta un esperto di social media che comprende la varietà di strumenti disponibili sul mercato e come puoi trarre vantaggio da ciascuno o da una combinazione di tutti.

Devi coinvolgere tutti i leader della tua azienda, quelli che proprio la strategia della società. Se non hai sia la comprensione che il consenso dalla parte superiore della catena, l'allineamento attraverso il resto dei canali vacillerà. Mettendo Marketing responsabile della tua strategia sui social media sta consegnando loro le chiavi della sala del consiglio: potrebbero non riconoscere l'impatto sulle vendite, sull'assistenza clienti, sulla soddisfazione del cliente, sulla soddisfazione degli azionisti, ecc.

patto cliente aziendale Lo ripeto, il rischio che un'azienda entri nel regno dei social media e fallisca è peggio che non entrarci affatto.

Questo significa che un'azienda non dovrebbe mai immergersi nei social media?

No... ma credo che questo sia il motivo per cui c'è stato un adozione lenta di patti e contratti online come il Company Customer Pact. Gli autori di questo patto capiscono che alcune aziende non possono permettersi di firmare un patto come questo?

È impressionante e mi ricorda molto i politici in giro in questo momento – stanno promettendo tutto sotto il sole con poche risorse da realizzare effettivamente. La realtà è che la maggior parte delle aziende potrebbe non essere in grado di permettersi un patto del genere! Personalmente, mi piacerebbe che la mia azienda firmasse il patto, ma so che gli azionisti e la dirigenza si lamenterebbero.

La mia azienda non pubblica nemmeno comunicati stampa su funzionalità innovative per paura che la concorrenza possa impigliarsi. I nostri margini sono stretti, i nostri clienti sono economici e la concorrenza è agguerrita. Il ritardo nell'essere opaco potrebbe fornirci il vantaggio di cui abbiamo bisogno per accaparrarci il prossimo grande cliente prima che lo faccia la concorrenza. Disclaimer: non aderisco completamente a questa strategia, ma rispetto l'esperienza del consiglio di amministrazione che gestisce la nostra azienda. Dopotutto, è con i loro soldi che stiamo scommettendo.

D'altra parte, il rischio di non immergersi nei social media è che la tua concorrenza o il tuo clienti insoddisfatti (o peggio ... dipendenti) volere! Ci sono fantastici esempi di aziende che contrastato l'assalto delle critiche by togliendosi i mantelli della segretezza e saltando fuori nella mischia.

Alla fine, credo (spero) che tutte le aziende saranno spinte ad allinearsi a contratti come il Company Customer Pact. So solo che per molte aziende non è oggi.

Continua alla parte 2 di 3!

Commenti

  1. 1

    100% d'accordo per quanto riguarda il buyin a livello aziendale, specialmente ai livelli superiori, e lo stesso con il costo del fallimento. Ci vuole un sacco di spese di pubbliche relazioni per annullare un accesso fallito ai social media e se i problemi di risoluzione che hanno causato tale non vengono risolti, si ripeterà semplicemente in un'altra forma lungo la strada. D'altro canto, è probabile che sia molto difficile ottenere un tale consenso per qualcosa con un basso costo di ingresso e una conseguente bassa visibilità aziendale. Semplicemente non apparirà sul radar e, sebbene possa verificarsi un via libera, non è un cambiamento di paradigma del cuore e della mente in alcun modo. Almeno non lo sarà, finché non succederà qualcosa di molto buono o di brutto.

    Per quanto riguarda il patto dell'azienda cliente ... gli avvocati avrebbero una giornata campale con quello. Riuscite a immaginare il fornitore del telefono, una compagnia di assicurazioni, un fornitore di alta tecnologia o anche un produttore di medie dimensioni che accetta questi termini, supponendo che ne comprenda le ramificazioni e non solo un tipo di cosa da fare? Ha un grande potenziale in teoria ... ma preso alla lettera, parla di molto per un avvocato di querelanti, per un concorrente, sia per informazioni strategiche, ma anche per reclutamento e persino reclutatori in generale.

    Il patto dell'azienda cliente non è necessariamente una cosa negativa, ma le conseguenze non intenzionali sono piuttosto significative, a meno che non sia solo una cosa di tipo verbale.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.