Come implementare i gruppi personalizzati di Google Analytics con Google Tag Manager

raggruppamento di contenuti

In un precedente articolo, ho condiviso come implementare Google Tag Manager e Universal Analytics. Questo è un antipasto abbastanza semplice solo per farti decollare, ma Google Tag Manager è uno strumento incredibilmente flessibile (e complesso) che può essere utilizzato per dozzine di strategie diverse.

Sebbene mi renda conto che un po 'di sviluppo potrebbe alleviare alcune delle complessità di questa implementazione, ho optato per il manuale con plug-in, variabili, trigger e tag. Se hai un mezzo migliore per implementare questa strategia senza codice, condividilo sicuramente nei commenti!

Una di queste strategie è la capacità di popolare Raggruppamento di contenuti in Universal Analytics utilizzando Google Analytics. Questo articolo sarà una combinazione di uno sproloquio, problemi di cui essere a conoscenza e una guida passo passo per l'implementazione specifica del raggruppamento di contenuti utilizzando Il plug-in Google Tag Manager di DuracellTomi per WordPress, Google Tag Manager e Google Analytics.

Rant di Google Tag Manager

Per uno strumento così incredibilmente complesso, gli articoli di supporto di Google fanno assolutamente schifo. Non sto solo piagnucolando, sono onesto. Tutti i loro video, come quello sopra, sono questi video luminosi e colorati su ciò che può essere realizzato senza assolutamente video passo dopo passo, senza screenshot nei loro articoli e solo informazioni di primo livello. Certo, includeranno tutte le opzioni e la flessibilità che hai a tua disposizione, ma in realtà non hai alcun dettaglio sulla distribuzione.

Dopo 30 versioni di distribuzione dei miei tag, dozzine di modifiche all'interno di Google Analytics e alcune settimane passate tra le modifiche per testare ... ho trovato questo esercizio incredibilmente frustrante. Queste sono due piattaforme che dovrebbero funzionare senza problemi, ma in realtà non hanno quasi nessuna integrazione produttiva al di fuori di un paio di campi da prepopolare.

Rant di raggruppamento di contenuti di Google

Sebbene la categorizzazione e il tagging siano in circolazione da un paio di decenni, non lo troverai nelle capacità del raggruppamento di contenuti. Forse pubblico un post come questo che incorpora più categorie, una dozzina circa di tag, screenshot e video. Non sarebbe fantastico suddividere queste informazioni utilizzando Google Analytics? Bene, buona fortuna, perché la tua capacità di sviluppare gruppi di contenuti è limitata. Non è possibile trasmettere una serie di categorie, tag o caratteristiche a Google Analytics. Sei bloccato con fondamentalmente 5 campi di testo limitati a una variabile ciascuno.

Di conseguenza, ho progettato il mio raggruppamento di contenuti nel modo seguente:

  1. Titolo del contenuto - In modo che io possa guardare articoli come "come fare" e altri articoli dal titolo comune.
  2. Area tematica - In questo modo posso guardare la categoria principale e vedere quanto è popolare ciascuna categoria e come si comportano i contenuti all'interno.
  3. Autore del contenuto - In questo modo posso visualizzare i nostri autori ospiti e vedere quali stanno guidando il coinvolgimento e le conversioni.
  4. Tipo di contenuto - In questo modo posso guardare infografiche, podcast e video per vedere come si comporta quel contenuto rispetto ad altri tipi di contenuto.

Il resto di questo tutorial si basa sul fatto che lo hai già fatto registrato a Google Tag Manager.

Passaggio 1: impostazione del raggruppamento di contenuti di Google Analytics

In realtà non è necessario disporre di dati in arrivo a Google Analytics per impostare il raggruppamento di contenuti. All'interno di Google Analytics, vai all'amministrazione e vedrai il raggruppamento di contenuti nell'elenco:

content-groupings-admin

All'interno del raggruppamento di contenuti, ti consigliamo di farlo aggiungere ogni raggruppamento di contenuti:

Aggiungi raggruppamento di contenuti

Nota le due frecce! Per evitare di strapparti i capelli quando i tuoi dati non vengono visualizzati in Google Analytics, sii assolutamente vigile nel ricontrollare che lo slot corrisponda al tuo numero di indice. Perché questa è anche un'opzione è al di là di me.

L'elenco di raggruppamento dei contenuti finito dovrebbe apparire così (quando fai clic su Ordina ... perché per qualche motivo a Google Analytics piace torturarci utenti ossessivi compulsivi che si chiedono perché non sono già ordinati in ordine numerico. Oh ... e se questa non è una tortura sufficiente, non puoi mai eliminare un raggruppamento di contenuti. Puoi solo disabilitarlo.)

elenco-raggruppamento-contenuto

Accidenti ... sembra buono. Il nostro lavoro è svolto in Google Analytics! Più o meno ... dovremo testare e inviare alcuni dati più tardi che possiamo rivedere.

Passaggio 2: configurazione del plug-in WordPress di DuracellTomi per Google Tag Manager

Successivamente, dobbiamo iniziare a pubblicare i dati che Google Tag Manager può acquisire, analizzare e attivare il codice di Google Analytics. Questa potrebbe essere una vera impresa non lo era per alcuni fantastici sviluppatori di WordPress là fuori. Adoriamo le opzioni disponibili tramite Il plugin WordPress di DuracellTomi. È ben gestito e supportato.

Prendi il tuo ID di Google Tag Manager dal tuo spazio di lavoro in Google Tag Manager e posizionalo nelle impostazioni generali del plug-in> campo ID di Google Tag Manager.

id-gestore-tag-google

Consiglio vivamente di installare il plugin utilizzando il metodo personalizzato dove inserisci lo script nel tuo tema (in genere il file header.php). Se non lo fai, può causare un altro problema che ti farà impazzire assolutamente ... il dataLayer che il plug-in sta inviando a Google Tag Manager devi obbligatoriamente essere scritto prima che lo script venga caricato per Google Tag Manager. Non capisco la logica in questione, sappi solo che ti tirerai fuori i capelli chiedendoti perché i dati non vengono inviati correttamente senza questo posizionamento.

google-tag-manager-custom

Il passaggio successivo consiste nel configurare i dataLayer che desideri vengano trasmessi a Google Tag Manager. In questo caso, sto passando il tipo di post, le categorie, i tag, il nome dell'autore del post e il titolo del post. Vedrai che sono disponibili molte altre opzioni, ma abbiamo già spiegato i raggruppamenti che stiamo configurando e perché.

DataLayer di WordPress di Google Tag Manager

A questo punto, il plug-in è installato e Google Tag Manager caricato, ma in realtà non hai (ancora) i dati passati a Universal Analytics. Se ora visualizzi l'origine della tua pagina, vedrai dataLayer pubblicati per Google Tag Manager, tuttavia:

Vista codice

Si noti che il dataLayer è unito in coppie chiave-valore (KVP). Nel Passo 4 di seguito, ti mostreremo come verificarli senza guardare il codice sorgente della tua pagina. Per il plug-in DuracellTomi, le chiavi sono:

  • titolo della pagina - Questo è il titolo della pagina.
  • pagePostType - Questo è se si tratta di un post o di una pagina.
  • pagePostType2 - Questo è se si tratta di un singolo post, archivio di categoria o pagina.
  • paginaCategoria - Questa è una serie di categorie in cui il post è stato classificato.
  • attributi di pagina - Questo è un array dei tag per cui è stato taggato il post.
  • pagePostAutore - Questo è l'autore o il post.

Tienili a portata di mano, ne avremo bisogno in seguito mentre scriviamo i nostri trigger.

Suppongo che tu abbia caricato un plug-in di Google Analytics o che tu abbia incorporato il file analitica tag di script nel tuo tema tu stesso. Annota il tuo ID Google Analytics (simile a UA-XXXXX-XX), ti servirà dopo. Ti consigliamo di rimuovere il tag script o il plug-in, quindi caricare Universal Analytics tramite Google Tag Manager.

Passaggio 3: configurazione di Google Tag Manager

Se sei in preda al panico per non avere Google Analytics pubblicato sul tuo sito a questo punto, facciamolo molto velocemente prima di apportare modifiche. Quando accedi a Google Tag Manager, seleziona il tuo spazio di lavoro:

  1. Seleziona Aggiungi un tag
  2. Seleziona Analisi universale, assegna un nome al tag in alto a sinistra e inserisci il tuo ID UA-XXXXX-XX
  3. Ora indica al tag quando attivarsi ora facendo clic su Attivazione e selezionando tutte le pagine.

Universal Analytics Aggiungi tag Google Tag Manager

  1. Non hai finito! Ora devi fare clic Pubblica e il tuo tag sarà attivo e analitica sarà caricato!

Passaggio 4: Google Tag Manager funziona effettivamente?

Oh, adorerai questo. Google Tag Manager viene effettivamente fornito con un metodo per testare i tag per aiutarti a risolverli e correggerli. C'è un piccolo menu sull'opzione Pubblica su cui puoi fare clic - Anteprima.

Anteprima e debug di Google Tag Manager

Ora apri il sito Web su cui stai lavorando in una nuova scheda e vedrai magicamente le informazioni di Tag Manager in un pannello a piè di pagina:

Google Tag Manager - Anteprima e debug

Quant'è fico? Una volta passati i dati del raggruppamento di contenuti utilizzando Google Tag Manager, puoi vedere quale tag si attiva, cosa non si attiva e tutti i dati che vengono trasmessi. In questo caso, è il tag che abbiamo chiamato Analisi universale. Se facciamo clic su di esso, possiamo effettivamente visualizzare le informazioni sui tag di Google Analytics.

Passaggio 5: impostazione dei raggruppamenti di contenuti in Google Tag Manager

Woohoo, abbiamo quasi finito! Beh, non proprio. Questo sarà il passaggio che potrebbe davvero darti del filo da torcere. Perché? Perché l'attivazione di una visualizzazione di pagina in Universal Analytics con il raggruppamento di contenuti deve essere eseguita in un unico evento. Logicamente, ecco come deve accadere:

  1. Viene richiesta la pagina WordPress.
  2. Il plugin di WordPress mostra il dataLayer.
  3. Lo script di Google Tag Manager esegue e passa il dataLayer da WordPress a Google Tag Manager.
  4. Le variabili di Google Tag Manager vengono identificate nel dataLayer.
  5. Gli attivatori di Google Tag Manager vengono identificati in base alle variabili.
  6. Google Tag Manager attiva tag specifici in base agli attivatori.
  7. Viene attivato un tag specifico che invia i dati del raggruppamento di contenuti appropriati a Google Analytics.

Quindi ... se la prima cosa che accade è che il dataLayer viene passato a Google Tag Manager, allora dobbiamo essere in grado di leggere quelle coppie chiave-valore. Possiamo farlo identificando le variabili passate.

Variabili definite dall'utente di Google Tag Manager

Ora devi aggiungere e definire ciascuna delle variabili passate nel dataLayer:

  • titolo della pagina - Titolo del contenuto
  • pagePostType - Tipo di contenuto
  • pagePostType2 - Tipo di contenuto (mi piace usare questo perché è più specifico)
  • paginaCategoria - Area tematica
  • attributi di pagina - Tag di contenuto (potresti voler utilizzare questo di volta in volta invece delle sole categorie)
  • pagePostAutore - Autore del contenuto

Fallo scrivendo nel nome della variabile del livello dati e salvando la variabile:

Configurazione variabile

A questo punto, Google Tag Manager sa come leggere le variabili dataLayer. Sarebbe bello se potessimo semplicemente trasmettere questi dati direttamente a Google Analytics, ma non possiamo. Perché? Perché il tuo array di categorie o tag supererà i limiti di caratteri impostati su ogni raggruppamento di contenuti consentito in Google Analytics. Google Analytics (purtroppo) non può accettare un array. Allora come lo aggiriamo? Uff ... questa è la parte frustrante.

Dovrai scrivere un trigger che cerchi la tua categoria o il nome del tag all'interno della stringa dell'array passata nella variabile dataLayer. Possiamo passare titolo, autore e tipo poiché sono termini di testo singolo. Ma la categoria non è così dobbiamo rivedere la prima categoria (primaria) passata nell'array. L'eccezione, ovviamente, è se non selezioni più categorie per post ... puoi semplicemente fare clic sul pulsante e selezionare Area tematica.

Ecco uno sguardo parziale al nostro elenco di trigger:

Trigger per categoria

Ecco un esempio di uno di quei trigger per la nostra categoria per il Content Marketing:

Alcuni trigger di visualizzazione di pagina

Abbiamo un'espressione regolare qui che corrisponde alla prima categoria (primaria) passata nell'array nel dataLayer, quindi ci assicuriamo che sia un singolo post.

Se hai difficoltà a scrivere espressioni regolari, potresti semplicemente smettere di tirarti i capelli e andare avanti Fiverr. Ho ottenuto risultati incredibilmente grandi su Fiverr e di solito chiedo l'espressione e la documentazione su come funzionava.

Dopo aver impostato un trigger per ogni categoria, sei pronto per creare il tuo elenco di tag! La nostra strategia qui è quella di scrivere prima un tag Universal Analytics (UA) catch-all, ma non viene attivato ogni volta che viene attivato uno dei nostri tag di categoria. L'elenco completo sembra assomigliare a questo:

Tag in Google Tag Manager

Va bene ... è questo! Ora riuniremo tutta la magia con il nostro tag. In questo esempio, passerò il file Raggruppamento di contenuti per ogni singolo post classificato con Content Marketing ("contenuto"):

Gruppi di contenuti di categoria

Assegna un nome al tag, inserisci il tuo ID di Google Analytics, quindi espandi Altre impostazioni. All'interno di quella sezione, troverai i gruppi di contenuti in cui vorrai inserire il numero di indice esattamente come l'hai inserito Amministratore di Google Analytics e socievole.

Ecco un'altra cosa stupida ... l'ordine deve combaciare l'ordine delle impostazioni di amministrazione di Analytics per i dati. Il sistema non è abbastanza intelligente da afferrare le variabili giuste per il numero di indice corretto.

Poiché la categoria non viene superata (a causa della difficoltà dell'array), dovrai digitare la tua categoria per Indice 2. Tuttavia, per gli altri 3 gruppi di contenuti, puoi semplicemente fare clic sulla casella a destra e selezionare la variabile che viene passato direttamente all'interno del dataLayer. Quindi dovrai selezionare l'attivatore e salvare il tag!

Ripeti per ciascuna delle tue categorie. Quindi assicurati di tornare al tuo tag UA (catch-all) e aggiungere eccezioni per ciascuna delle tue categorie. Visualizza l'anteprima ed esegui il debug per verificare e assicurarti di attivare i tag e inviare i dati ai raggruppamenti di contenuti in modo corretto.

Dovresti essere in grado di verificare tutto, ma dovrai comunque attendere alcune ore affinché Google Analytics ti raggiunga. Al prossimo accesso, potrai utilizzare Titolo del contenuto, area tematica, che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana per poi Autore del contenuto per suddividere i dati in Google Analytics!

Commenti

  1. 1

    Ciao Douglas,

    Grazie per aver dedicato del tempo alla stesura di questo articolo. In qualità di professionista che trascorre molto del suo tempo lavorando con Google Tag Manager e Google Analytics, vorrei condividere alcuni pensieri che ho sui punti che hai sollevato.

    Penso che ci siano una serie di punti deboli con entrambi gli strumenti; questa risposta non si concentrerà su questo. Piuttosto, nel tuo articolo affronterò i punti in cui penso che tu abbia ragione e altre aree con cui non sono d'accordo. Credo che questo tipo di dialogo sia salutare all'interno della nostra sfera professionale. NON sto cercando di troll.

    "Per uno strumento così incredibilmente complesso, gli articoli di supporto di Google fanno assolutamente schifo"

    Penso che tu stia guardando la documentazione sbagliata. Per quanto riguarda i video di "alto livello", sì, non andrai molto lontano. La documentazione di Google ha sicuramente fatto schifo, ma ora è molto meglio.

    Poiché sia ​​GTM che GA sono strumenti che richiedono una discreta quantità di conoscenze tecniche per essere implementati correttamente, vorrei suggerire ai tuoi lettori di rivolgersi alle guide per sviluppatori per questi prodotti:

    https://support.google.com/tagmanager/
    https://developers.google.com/tag-manager/devguide

    Inoltre, Internet non ha carenza di guide facilmente accessibili per fare praticamente tutto ciò che vuoi con GTM. Le migliori fonti di conoscenza sono:

    https://www.simoahava.com/
    https://www.thyngster.com/
    http://www.lunametrics.com/blog/

    Fondamentalmente, tutto ciò che vorrei scrivere su GTM è già stato coperto da quei tre.

    Per quanto mi riguarda, la documentazione AZ non deve provenire da Google. La community è così solida che puoi trovare qualsiasi risposta con poco sforzo.

    "Si tratta di due piattaforme che dovrebbero funzionare senza problemi ma che in realtà non hanno quasi nessuna integrazione produttiva al di fuori di un paio di campi da prepopolare".

    Penso che tu stia fraintendendo cosa sia GTM. Funziona alla grande con GA, molto meglio di qualsiasi altro TMS. GTM non serve solo per distribuire Google Analytics. Detto questo, non distribuirei GA utilizzando nessun altro strumento.

    Il tag Google Analytics di GTM è un'interfaccia utente grafica per la distribuzione di codice che molte persone troverebbero difficile da gestire.

    Quando si tratta di gruppi di contenuti, mi sembra molto più facile riempire una piccola casella in GTM con una variabile piuttosto che scrivere

    ga ('set', 'contentGroup', ”);

    e avere i valori dinamici dei tuoi campi popolati dalla logica lato server che è più difficile da mantenere rispetto a un livello dati.

    "Non è possibile trasmettere una serie di categorie, tag o caratteristiche a Google Analytics"

    Sebbene tu abbia ragione sul fatto che Google Analytics registra i valori per i raggruppamenti di contenuti come stringhe, non come array o oggetti, questa è semplicemente una terminologia tecnica.

    Puoi assolutamente passare una serie di categorie o tag a GA. Trasforma il tuo array in una stringa delimitata e sei pronto.

    Una semplice variabile javascript personalizzata trasformerà il tuo array in una stringa.

    funzione(){
    var pageCategory = {{dl - page - pageCategory}};
    return pageCategory.join ("|");
    }

    Consulta questo articolo per esempi su come analizzare tali dati: http://www.lunametrics.com/blog/2016/05/25/report-items-in-multiple-categories-in-google-analytics/

    Hai bisogno di conoscere alcuni javascript di base per utilizzare GTM in modo efficace? Decisamente. È una mancanza dello strumento? Assolutamente no. È un TMS. Ovviamente devi conoscere javascript per usarlo.

    "Oh ... e se questa non è una tortura sufficiente, non puoi mai eliminare un raggruppamento di contenuti. Puoi solo disabilitarlo. "

    INFATTI. Dovrebbero esserci delle opzioni per rimuovere il campo dai rapporti.

    "Il dataLayer che il plug-in invia a Google Tag Manager deve essere scritto prima che lo script venga caricato per Google Tag Manager"

    Questo è un problema con il plugin. L'autore del plug-in sta inizializzando il dataLayer in modo errato e non utilizza un "evento" che è il bus di messaggistica interno di GTM. Non strapparti i capelli, però. Non ne vale la pena.

    Saltare al passaggio 5 (gli altri passaggi sembrano in linea con l'obiettivo)

    "Perché il tuo array di categorie o tag supererà i limiti di caratteri impostati su ogni raggruppamento di contenuti consentito in Google Analytics. Google Analytics (purtroppo) non può accettare un array. Allora come lo aggiriamo? Uff ... questa è la parte frustrante. "

    Questo non è un problema di limiti di caratteri per GA. Hai solo bisogno di cambiare il tuo array in una stringa, che è il valore previsto nell'API di GA. Una dimensione descrive cosa. Quindi una stringa (parola) è ciò che ci si aspetta.

    "Una volta impostato un attivatore per ogni categoria, sei pronto per creare il tuo elenco di tag!"

    Noooooo! 🙂 Non seguire quel sentiero. Usa un valore delimitato e ti risparmierai tonnellate di mal di testa.

    "Ecco un'altra cosa stupida ... l'ordine deve corrispondere all'ordine delle impostazioni di amministrazione di Analytics per i dati. Il sistema non è abbastanza intelligente da afferrare le variabili giuste per il numero di indice corretto. "

    Non credo che sia vero. Finché il tuo indice è un numero, il valore per l'indice popolerà il tuo tag con il valore corretto.

    Il principale aspetto positivo che ho tratto dal tuo articolo è che i tuoi lettori sono esposti a un modo critico per "suddividere i dati" in GA. Questo è di enorme importanza e ci sono plugin gratuiti per WordPress che consentiranno loro di farlo.

    In termini di gestione della raccolta dei dati in un modo più sofisticato, è davvero una funzione dell'IT fornire i dati corretti al marketing che ha valore aziendale. La sfida che uno strumento come GTM ha introdotto nel mercato (a causa della sua enorme adozione) è che i professionisti del marketing non pensano di dover fare affidamento sull'IT per raccogliere dati. Loro fanno. Caso in questione -> L'API GA richiede una stringa per i campi Dimensione personalizzata. Se non trasponi un array in una stringa, finirai per creare un numero assurdo di tag. Non è una soluzione elegante, o addirittura richiesta.

    Spero che il mio feedback sul tuo articolo venga accolto bene. Non sto cercando di troll. Piuttosto, sto cercando di aggiungere la mia esperienza con gli strumenti di cui stai discutendo per ampliare la conversazione in modo professionale e costruttivo.

    Migliore,

    Yehoshua

    • 2

      Yehoshua, stai scherzando? Non è trolling ... è un feedback INCREDIBILE. Adoro il feedback e l'esperienza che condividi con il nostro pubblico.

      Nota: gli indici erano impostati correttamente sui dati trasmessi per i gruppi di contenuti, ma NON funzionava quando non era nell'ordine corretto.

      Grazie ancora!

  2. 3

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.