Generazione di informazioni: raggiungere i Millennial con un approccio basato sui dati

guidato dai dati

Secondo un recente sondaggio di Zillow, i millennial dedicano più tempo alla ricerca, alla ricerca dell'opzione migliore e al confronto dei prezzi prima di effettuare un acquisto. E mentre questa nuova era del consumatore ultra informato rappresenta un importante cambiamento per marchi e aziende, offre anche un'opportunità d'oro. Sebbene molti professionisti del marketing abbiano spostato il loro marketing mix per concentrarsi sulle attività digitali, è altrettanto importante sfruttare lo stesso tesoro di dati che i millennial di oggi stanno utilizzando.

L'uso dei recenti progressi nella ricerca e nella tecnologia dei dati non deve essere limitato al lato consumatore. Le aziende possono combattere i dati con i dati al fine di comprendere meglio il loro pubblico di destinazione. Sapendo come i millennial stanno attraversando il processo di ricerca e quali tipi di informazioni stanno consumando, i professionisti del marketing possono adattarsi di conseguenza per fare appello a questa fascia demografica sempre più importante.

Dai loro quello che vogliono

Pensa a ciò che rende un sito come Amazon così interessante: conosce l'acquirente e può fornire consigli di acquisto su misura per quell'utente. E non c'è motivo per cui la tua azienda non possa attingere a questo tipo di dati analitica, anche se esegui un'operazione di mattoni e malta.

Ad esempio, abbiamo sviluppato un algoritmo con quasi 1,000 variabili che aiuta i concessionari di automobili a comprendere i tipi di veicoli che i loro clienti hanno maggiori probabilità di acquistare. Questo considera fattori come il comportamento di acquisto passato, i marchi che sono popolari in quel mercato geografico, l'analisi della concorrenza e molto altro. In questo modo, dopo che un millennial ha fatto ricerche sul tipo di auto che desidera, ci assicuriamo che questo veicolo sia sul lotto del concessionario in modo che sia pronto per la vendita quando si presenta il millennial.

I millennial non visitano i parcheggi per curiosare senza meta; fanno quella parte online. Loro spendono per 17 ore fare acquisti su Internet per un veicolo prima dell'acquisto. Nell'era odierna, è compito del rivenditore assicurarsi che il lotto sia adattato ai gusti dei millennial. I millennial sono armati di dati; devi essere armato con altrettanti dati (se non di più!) per essere pronto per loro. Un modo semplice per farlo è guardare i dati storici delle vendite e a chi stai facendo le vendite. Stai convertendo acquirenti millennial? In caso affermativo, su quali prodotti o servizi gravitano? Sfruttando queste informazioni, puoi progettare il tuo inventario ottimale e aumentare le vendite future.

Rivedi le recensioni

Lo sbalorditivo 81% dei 18-34enni cerca le opinioni degli altri prima di acquistare, secondo ricerca di Mintel. E mentre un imprenditore può rabbrividire al pensiero di commenti negativi rivolti al pubblico, le recensioni online offrono l'opportunità di ottenere un feedback onesto e non filtrato su ciò che i tuoi clienti pensano delle loro esperienze. Estrai le recensioni su siti come Yelp, Edmunds, TripAdvisor, Cars.com, Angie's List (qualunque cosa abbia senso nel tuo settore) e collabora con il tuo team per risolvere eventuali aree problematiche.

Ma non concentrarti solo sulle recensioni negative. Le recensioni positive potrebbero effettivamente essere più informative, perché spiegano la percezione del tuo marchio e della tua reputazione. Sei conosciuto per un eccellente servizio clienti? Per grandi sconti? Per un'ampia scelta? Quando lavoriamo con i concessionari di automobili, identifichiamo i loro punti di forza e lavoriamo con loro per progettare il loro marketing e le loro attività di conseguenza. Ad esempio, se i clienti amano i loro prezzi, potrebbero non voler pubblicizzare quella BMW lussuosa.

Valuta l'esperienza mobile

Il solo fatto di far entrare un millennial nel tuo negozio non è più sufficiente, perché l'esperienza mobile ora gioca un ruolo nel comportamento di acquisto in negozio.  57 percento dei millennial utilizzare i loro telefoni per confrontare i prezzi mentre sono in negozio. Se hai un articolo che attira la loro attenzione e un venditore disponibile che risponde alle loro domande, potresti comunque perdere la vendita se il cliente cerca su Google il tuo concorrente per strada e trova un prezzo più basso. Stanno anche apprendendo informazioni qualitative: ad esempio, se un concessionario di auto continua a parlare di quanto sia affidabile un veicolo, ma poi il cliente legge tutte queste recensioni sull'auto in panne, avranno delle domande.

La buona notizia qui è che l'esperienza mobile può fungere da forma di dati per il tuo team. Conduci alcune finte esperienze di acquisto e pensa alle cose che qualcuno potrebbe cercare sul proprio telefono. Articoli specifici nel tuo negozio, concorrenti locali, recensioni, ecc. Potresti scoprire che un concorrente mostra annunci per sconti ogni volta che qualcuno cerca un tuo prodotto popolare. O forse il tuo sito web non viene visualizzato quando qualcuno cerca quel prodotto, indicando che potresti avere del lavoro SEO da fare.

Ma questo non è solo un gioco difensivo, potrebbe anche rivelare opportunità. Ad esempio, abbiamo aiutato i nostri partner rivenditori a identificare i casi in cui i loro concorrenti non stavano facendo un ottimo lavoro nel marketing di una particolare marca o modello. Questo spinge i nostri rivenditori a rifornire quel modello, magari a un prezzo o qualità migliore, e creare maggiori entrate.

I dati sono ovunque. Usalo.

La rivoluzione digitale non riguarda solo l'avvio di una pagina Facebook o l'esecuzione di alcuni annunci di ricerca. Gli esempi precedenti rappresentano solo alcuni modi in cui puoi attingere alle informazioni online e all'esperienza utente per comprendere meglio il tuo cliente. Guardando il Web attraverso gli occhi dei tuoi clienti, avrai un'idea di tutto ciò che vedono durante il processo di acquisto, permettendoti di adattarti di conseguenza per vincere la loro attività.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.