Non lasciare che la tua campagna antigoccia diventi una tortura cinese per l'acqua

14687257 s

Una delle tecniche più efficaci per spostare Random Strangers in Raving Fans è usare una "campagna di gocciolamento". In questo processo si identifica un gruppo selezionato di persone che si adattano a un particolare gruppo demografico o, meglio ancora, condividono un interesse comune e inviano loro messaggi. Questi messaggi possono essere email, segreteria telefonica, posta direttao faccia a faccia.

Una campagna veramente efficace fornisce informazioni rilevanti per il tuo cliente target, arriva a intervalli regolari ma non fastidiosi e spinge il potenziale cliente verso una decisione di acquisto.

A volte, tuttavia, imprenditori o operatori di marketing troppo entusiasti cercano di accelerare il processo, inviando troppe informazioni, troppo presto o troppo spesso. Il risultato? Esattamente la risposta opposta, poiché il tuo potenziale cliente non solo non riesce ad acquistare, ma ti dice di andartene, definitivamente!

In qualità di email marketer, di solito sono piuttosto paziente, ma recentemente Ratepoint ha esaurito la loro accoglienza. Come? Beh, è ​​iniziato abbastanza innocentemente, con una cartolina, un'e-mail e un'offerta per una prova gratuita. Poi c'è stata la telefonata durante la quale ho posto alcune domande. Prima che la conversazione finisse, dissi loro che difficilmente avrei utilizzato il loro prodotto perché ero un rivenditore di Constant Contact e la loro non era una ragione convincente per me per cambiare.

Invece di accettare il cortese no, mi hanno trasferito in un gruppo completamente diverso e sono diventato un potenziale cliente. C'erano più cartoline, più email e più telefonate. Man mano che i loro addetti alle vendite diventavano sempre più fastidiosi, chiedendo di sapere perché non avevo attivato la mia prova, ho trovato sempre più difficile rimanere educati. (Ammettiamolo, vengo da New York e in una buona giornata è difficile per me rimanere educato)

Se avessi mai considerato di provare il loro prodotto, è improbabile che ora lo faccia. La lezione? Troppo marketing non è una buona cosa. Se qualcuno indica di non essere un potenziale cliente, lascia che se ne vada e vai avanti. L'acqua può erodere le montagne, una goccia alla volta, ma non sposterà qualcuno a comprare.

Commenti

  1. 1

    Lorraine, il tuo post mi ha fatto pensare a una domanda su cui stavo riflettendo ultimamente. Qual è un buon intervallo (tra i messaggi) da utilizzare per una campagna di e-mail DRIP? Soprattutto se hai molte informazioni educative da fornire. 2 giorni? 3 giorni? una settimana?

  2. 2

    Bella domanda Patric,
    In genere mi piace lasciare una settimana in mezzo, ma varia in base alla categoria e anche a ciò a cui si registrano gli utenti.

    Un ottimo esempio è stato il ProBlogger 31 giorni per migliorare il blogging. È stato un ottimo programma. Mi sono iscritto sapendo che avrei ricevuto un'email al giorno per 31 giorni. Un po 'era troppo. Sono rimasto indietro e non ho più recuperato. Anche se ho salvato tutte le 31 e-mail, non ho mai superato la lezione 15.

    Dopo aver esaminato il suo programma, ho deciso di dare più tempo ai miei lettori. Sugli aggiornamenti generali, gli inviti ai seminari, ho riscontrato un vero calo se ne mando più di uno ogni due settimane a tutti tranne che alla nicchia più ristretta.

    Sarei curioso di sapere cosa gli altri trovano che funzioni per loro.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.