Ricerca: la qualità degli elenchi di e-mail è la massima priorità per i professionisti del marketing B2B

email

Molti marketer B2B sanno che l'email marketing può essere uno degli strumenti più efficaci per la generazione di lead, con la ricerca della Direct Marketing Association (DMA) che mostra un ROI medio di $ 38 per ogni $ 1 speso. Ma non c'è dubbio che l'implementazione di una campagna email di successo possa avere le sue sfide.

Per comprendere meglio le sfide che i marketer devono affrontare, fornitore di software di email marketing Delivra ha collaborato con Ascend2 per condurre un sondaggio tra questo pubblico. I risultati sono inclusi in un nuovo rapporto intitolato, Strategia per elenchi di e-mail B2B, che fornisce informazioni sugli ostacoli più significativi alla creazione di un elenco di e-mail migliore e su come i professionisti del marketing li stanno superando.

I risultati

La massima priorità per il 70% degli intervistati era aumentare la qualità dei dati della propria lista di posta elettronica. Il rapporto suggerisce che molti marketer B2B stanno effettivamente raggiungendo tale obiettivo, con il 43% che afferma che la qualità delle liste di posta elettronica è in aumento e solo il 15% sta registrando una diminuzione della qualità. Il quarantadue percento afferma che la qualità della propria lista non cambia.

Obiettivi dell'elenco e-mail

Sebbene mantenere un elenco di iscritti pulito e aggiornato possa sembrare così semplice, è il punto di partenza per tutte le campagne di email marketing efficaci. Quando inviano e-mail, gli operatori di marketing non dovrebbero avere dubbi sul fatto che i loro messaggi vengano consegnati con successo alle caselle di posta dei destinatari e siano indirizzati agli abbonati giusti. Neil Berman, CEO di Delivra

Qualità dell'elenco e-mail

Quindi, se sembra basilare, perché gli esperti di marketing hanno difficoltà a creare o mantenere elenchi di qualità? La mancanza di una strategia efficace è stata citata come l'ostacolo più significativo (51%), seguita da pratiche inadeguate di igiene degli elenchi (39%) e dati di segmentazione degli elenchi inadeguati (37%). Solo il 54% degli esperti di marketing intervistati considera la propria strategia di elenchi di e-mail "molto efficace" nel superare queste barriere e nel raggiungimento degli obiettivi, mentre il 40% si accontenta di "un po 'di successo" e il XNUMX% si classifica come "non riuscito".

e-mail-list-barriere

mail-list-successo

Un'altra scoperta interessante è che l'aumento delle dimensioni dell'elenco di posta elettronica, indipendentemente dalla qualità, non è più una priorità assoluta, ma le tattiche degli elenchi di posta elettronica continuano a guidare un aumento delle dimensioni degli elenchi di posta elettronica per il 54% delle aziende. Le prime tre tattiche più efficaci includono:

  • Registrazioni di download di contenuti (59 percento)
  • Pagine di destinazione specifiche dell'email (52%)
  • Integrazioni di e-mail e social media (38%)

Tattiche della lista di posta elettronica

Altri punti salienti del sondaggio includono

  • Quando si esegue una strategia di elenchi di e-mail, l'integrazione di e-mail e social media è la tattica più difficile (38%), seguita da opt-in offline / in negozio / call center (28%) e pagine di destinazione specifiche per e-mail (26%) .
  • Il 2% dei marketer BXNUMXB ha affermato che anche un aumento dei tassi di conversione del lead è un obiettivo importante.
  • Il XNUMX% delle aziende intervistate esternalizza l'esecuzione di tutta una parte delle loro tattiche di posta elettronica.

Delivra, in collaborazione con Asend2, ha partecipato a questo sondaggio e ha ricevuto risposte da 245 professionisti del marketing e delle vendite B2B che rappresentano 123 aziende.

Scarica il report sulla strategia dell'elenco di posta elettronica B2B di Delivra

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.