Un'emoji nella riga dell'oggetto influisce sui tassi di apertura delle e-mail? 🤔

Emoticons

In passato abbiamo condiviso alcuni dettagli su come stanno incorporando alcuni professionisti del marketing emoji nelle loro comunicazioni di marketing. In occasione di World Emoji Day - sì ... c'è una cosa del genere - Mailjet ha eseguito alcuni test utilizzando gli emoji nelle righe dell'oggetto delle e-mail per vedere come diversi emoji potrebbero avere un impatto sul tasso di apertura delle e-mail. Indovina un po? Ha funzionato!

Metodologia: MailJet offre una funzionalità di sperimentazione nota come a / x testing. Il test A / X rimuove le congetture di cosa funziona meglio consentendoti di testare (fino a 10) variazioni della stessa email, compilare le prestazioni di ciascuna versione e quindi inviare la versione vincente al resto dell'elenco. Ciò fornisce ai mittenti di posta elettronica le migliori possibilità possibili di massimizzare le prestazioni della campagna di posta elettronica.

I risultati dei test di Mailjet sono pubblicati in questa infografica, Test della riga dell'oggetto Emoji, che fornisce la prova che le emoticon nelle righe dell'oggetto possono avere un impatto assoluto sui tassi di apertura. Non solo, l'infografica fornisce la prova che culture diverse accettano di più gli emoji! Sono stati testati Regno Unito, Stati Uniti, Francia, Spagna e Germania.

Come si inserisce un'emoji in una riga dell'oggetto?

Se sei un utente di emoji (o un molestatore), probabilmente sei abituato a premere il menu delle emoticon sulla tastiera del tuo cellulare. ma in realtà non esiste su un desktop, quindi come si fa? Il modo più semplice che ho trovato è navigare verso Ottieni Emoji dove puoi semplicemente copiare e incollare l'emoji che preferisci!

Stiamo diventando troppo emoji?

Una delle conclusioni degli studi potrebbe essere che, sebbene le emoticon abbiano un impatto sui tassi di apertura, potrebbero essere utilizzate in modo eccessivo o gli abbonati potrebbero esservi abituati. I tassi di apertura complessivi con gli emoji sono diminuiti anno dopo anno dal 31.5% al ​​28.1%

È ormai un luogo comune utilizzare gli emoji nell'email marketing e probabilmente ne vedremo sempre di più man mano che Google annuncia un nuovo set di icone per il suo ultimo sistema operativo Android. Tuttavia, è un segno per i professionisti del marketing che forse il loro picco è arrivato. C'è ancora molto che possiamo imparare dalle emoji e questa ricerca sottolinea l'importanza di conoscere il tuo pubblico per comunicare in modo più efficace con la posta elettronica. I professionisti del marketing devono prendere nota delle nette differenze culturali quando si tratta di ricettività del pubblico, ma anche di compatibilità multipiattaforma. I marchi cercheranno la prossima grande novità nel coinvolgimento e dovranno essere consapevoli di tutte le diverse piattaforme su cui verranno visualizzate le loro e-mail e testare qualsiasi tattica che intendono utilizzare contro queste. Josie Scotchmer, responsabile marketing per il Regno Unito presso Mailjet

A proposito, il miglior interprete è stato il semplice emoji cuore rosso.❤️ L'emoji è stata una delle poche a generare un risultato netto positivo in tutte le regioni di test con un aumento del 6% del tasso di apertura.

World Emoji Day

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.