Facebook ha distrutto il dialogo rispettoso e aperto ... e ho finito

No Comment

Sono stati mesi difficili per la nostra nazione. Le elezioni, il COVID-19 e l'orribile omicidio di George Floyd hanno letteralmente messo in ginocchio la nostra nazione.

Non voglio che nessuno creda che questo sia un articolo di boo-hoo. Se abbiamo avuto il piacere di intrattenerci online, sai che l'ho trattato come uno sport sanguinario. Fin dalla giovane età in cui vivevo in una casa divisa dalla religione e dalle tendenze politiche, ho imparato a ricercare, difendere e discutere le mie convinzioni e sentimenti. Mi piaceva lanciare granate e qualche zinger là fuori.

Sebbene la politica sia sempre stata una pista scivolosa per una conversazione rispettosa online o offline, mi sono sempre sentito obbligato e persino incoraggiato a condividere i miei pensieri online. Ero sotto l'illusione di aiutare.

ho sempre pensato Social Media era un posto sicuro per avere un dialogo aperto con persone con cui non ero d'accordo. Mentre Twitter era un luogo in cui potevo condividere un fatto o un pensiero, Facebook era la casa della mia passione preferita. Amo le persone e sono affascinato dalle nostre differenze. Ho apprezzato l'opportunità di discutere di politica, medicina, tecnologia, religione o qualsiasi altro argomento in modo da poter comprendere meglio gli altri, mettere in discussione le mie convinzioni e condividere la mia logica.

La stragrande maggioranza del mio paese crede nelle stesse cose: uguaglianza razziale e di genere, opportunità economiche, accesso a un'assistenza sanitaria di qualità, a prezzi accessibili, meno sparatorie, fine delle guerre ... per citarne alcune. Se stai guardando le notizie da un altro paese, però, probabilmente non è il profilo dei media ... ma è is la verità.

Ovviamente, spesso siamo molto diversi nel modo in cui raggiungiamo questi obiettivi, ma sono sempre gli stessi obiettivi. Ti assicuro che posso portare fuori qualsiasi collega a bere qualcosa, discutere di qualsiasi argomento e scoprirai che entrambi siamo empatici, compassionevoli e rispettosi.

Non così su Facebook.

Negli ultimi mesi, ho condiviso molti pensieri e alcune opinioni ... e la risposta non è stata quella che mi sarei mai aspettata.

  • Ho condiviso la tragica uccisione di qualcuno nella mia città e sono stato accusato di usare il suo omicidio per la mia narrativa.
  • Ho predicato la non violenza e sono stato chiamato a chiacchierone e razzista.
  • Ho condiviso storie di miei amici feriti dal lockdown e mi è stato detto che volevo uccidere gli altri.
  • Ho condiviso i miei pensieri sull'uguaglianza di genere e sono stato chiamato a trasgressore da un collega che ho rispettato e promosso nella mia città.

Se l'attuale amministrazione ha fatto qualcosa che ho apprezzato - come l'approvazione della riforma carceraria - sono stato attaccato per essere un seguace del MAGA. Se criticavo l'amministrazione per aver fatto qualcosa di controverso, venivo attaccato perché ero un mancino radicale.

I miei amici a destra attaccano i miei amici a sinistra. I miei amici a sinistra attaccano i miei amici a destra. I miei amici cristiani attaccano i miei amici gay. I miei amici atei attaccano i miei amici cristiani. I miei amici dipendenti attaccano i miei amici imprenditori. I miei amici imprenditori attaccano i miei amici dipendenti.

Se chiedevo loro di smettere di attaccarsi a vicenda, allora sono stato accusato di non sostenere un dialogo aperto. Tutti si sentivano a casa ad attaccarmi in pubblico. In privato, è arrivato anche. Il mio messenger è pieno di messaggi che chiedono come posso accettare il file Altro lato delle persone. Ho anche ricevuto un paio di telefonate da amici intimi in cui a turno mi urlavano contro.

Dopo tanti anni passati ad amare i social media e ad abbracciare un dialogo aperto su Facebook, ho finito. Facebook non è il luogo per un dialogo aperto. È un luogo in cui la folla e gli algoritmi lavorano duramente per prevaricarti e abbatterti.

Facebook è un luogo in cui sei rimproverato, non amato, accusato, insultato, insultato e trattato con disprezzo. La stragrande maggioranza delle persone su Facebook non vuole differenze rispettose, odia qualsiasi differenza. Le persone non vogliono imparare nulla o essere esposte a nuove idee, vogliono trovare più motivi per odiare gli altri quando pensano diversamente da te. E adorano assolutamente gli algoritmi che sfruttano la rabbia.

Al di là dell'amaro disprezzo e della rabbia, l'appellativo e la mancanza di rispetto sono insondabili. Le persone non ti parlerebbero mai di persona nel modo in cui ti parlano online.

Mondi a parte

Mi ricorda spesso la campagna World's Apart che Heineken ha fatto. Quando persone provenienti da mondi completamente diversi si sedevano insieme, si trattavano a vicenda con rispetto, compassione ed empatia.

Non così sui social media. E soprattutto su Facebook. Temo che gli algoritmi di Facebook guidino effettivamente la divisione e non aiutano affatto un dialogo aperto e rispettoso. Facebook è l'equivalente di un anello dei gladiatori affollato, non un bar con un paio di birre sopra.

Di nuovo, non sono innocente qui. Mi sono ritrovato a scusarmi più volte per aver perso la pazienza.

Sono esausto. Ho finito. La folla ha vinto.

Su Facebook, ora sarò un osservatore silenzioso come tutti gli altri, curando e condividendo con cura contenuti che evitano qualsiasi comprensione delle mie convinzioni. Condividerò le foto del mio cane, un piatto delizioso, un nuovo bourbon e persino alcune serate in città. Ma da qui in poi, non aggiungerò i miei due centesimi, fornendo la mia visione o condividendo un pensiero su qualcosa di controverso. È troppo doloroso.

Trasparenza aziendale

Ok, è fantastico ... ma cosa c'entra questo con la tua azienda e il tuo marketing?

Ci sono molte persone nel mio settore che chiedono che le aziende lo siano ancora di più trasparenti sulle loro convinzioni e iniziative filantropiche come parte di una strategia di marketing globale. La convinzione è che i consumatori chiedano alle aziende di essere trasparenti nel loro supporto, anche se è controverso.

Pur rispettando quelle persone, sono rispettosamente in disaccordo con loro su questo. In effetti, posso affermare inequivocabilmente che mi è costato almeno un cliente che ha letto le mie opinioni online. Sebbene i servizi che ho fornito abbiano spinto molte delle attività di questo collega, ha contestato qualcosa che ho detto online e non ha mai più richiesto i miei servizi.

A meno che tu non creda che il tuo pubblico di destinazione sia la folla e puoi sopravvivere all'assalto di coloro che non sono d'accordo, lo eviterei a tutti i costi. Le persone non vogliono un dialogo aperto online, specialmente su Facebook.

Se il tuo pubblico non è la folla, verranno anche per la tua azienda.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.