Google e Facebook ci stanno rendendo stupidi

facebook stupido

Ieri sera ho avuto una discussione divertente con un'amica di mia figlia. Ha 17 anni e già si professa centrista/liberale. È bello, ammiro che sia già appassionata di politica. Quando le ho chiesto quali programmi guardava per sentire cosa stava succedendo nel mondo, ha detto che erano più o meno Oprah e Jon Stewart... con un po' di Anderson Cooper mescolato. Le ho chiesto se guardava Bill O'Reilly o Fox News e uno sguardo di totale disgusto le attraversò il viso. Ha notato che odiava Fox e non l'avrebbe mai guardato.

Il mio dibattito con lei è stato semplice ... Com'era stata esposta all'altro lato della discussione se tutto ciò che faceva era guardare o sentire un lato? In poche parole, non lo era. Le ho fatto un sacco di domande sulla politica... se abbiamo avuto più truppe all'estero o meno, se i ricchi sono diventati più ricchi negli ultimi anni, se più o meno persone erano in prigione, se più o meno persone erano assistite, se a casa la proprietà era in aumento o in diminuzione, che il Medio Oriente ci vedesse ora come un amico o ancora come un nemico... era frustrata perché non poteva rispondere a nessuna delle domande.

Ho scherzato sul fatto che fosse semplicemente un lemming (non è andata molto bene). Non esponendosi all'ideologia e alle opinioni degli altri, si stava privando della capacità di prendere una decisione. Non mi aspetto che guardi Fox e creda a tutto ciò che dicono ... dovrebbe ascoltare e verificare le informazioni e giungere alla sua conclusione. Va assolutamente bene essere centrista o liberale ... ma dovrebbe sapere che va bene anche essere conservatrice o libertaria. Dobbiamo rispettarci tutti a vicenda.

Divulgazione: guardo Bill O'Reilly e Fox News. Guardo anche CNN e BBC. Leggo NYT, WSJ e The Daily (quando funziona). Mi piacciono anche il Colbert Report e Jon Stewart di tanto in tanto. In tutta onestà, ho rinunciato a MSNBC. Semplicemente non lo vedo più come una notizia.

È facile avere quel dibattito quando parliamo delle nostre scelte e di ciò che guardiamo... ma che dire quando non abbiamo scelte? Google e Facebook ci stanno derubando di questo e smorzando la ricerca e le interazioni sociali che otteniamo sul web. Non c'è molto su cui sono d'accordo Eli Pariser di MoveOn ... ma questa è una conversazione che deve avvenire (fai clic per il video). Come afferma il mio buon amico Blog Bloke, Facebook ci sta rendendo stupidi.

Quando Facebook e Google possiedono gran parte delle informazioni che alimentano il nostro cervello, dovrebbero filtrarle fino a un punto in cui potrebbero effettivamente renderci muti? Il concorso di popolarità che guida i risultati di ricerca e le voci sulla bacheca di Facebook è proprio questo ... un concorso di popolarità. Non è questo il minimo comun denominatore nel fornire informazioni? Non dovremmo sviluppare algoritmi che scoprono siti nuovi e popolari che ci forniscono informazioni piuttosto che schierarci con noi?

Commenti

  1. 1

    Di recente ho visto (e adorato!) Quel video di Eli Pariser - non potrei essere più d'accordo con la sua valutazione. La personalizzazione, sebbene ottima in alcuni casi, restringe notevolmente la nostra visione del mondo. L'onere di Facebook, Google e altri è di garantirci visibilità e controllo su come stanno adattando i nostri risultati in modo che possiamo decidere di visualizzare le cose che non sono solo rilevanti, ma importanti, scomode e diverse dai nostri interessi.

  2. 2

    Di recente ho visto (e adorato!) Quel video di Eli Pariser - non potrei essere più d'accordo con la sua valutazione. La personalizzazione, sebbene ottima in alcuni casi, restringe notevolmente la nostra visione del mondo. L'onere di Facebook, Google e altri è di garantirci visibilità e controllo su come stanno adattando i nostri risultati in modo che possiamo decidere di visualizzare le cose che non sono solo rilevanti, ma importanti, scomode e diverse dai nostri interessi.

  3. 3

    La socializzazione della ricerca porterà alla fine di risultati di ricerca indipendenti e imparziali e alla campana a morto dei motori di ricerca in generale se non smetteranno di ballare sul juggernaut di Facebook. Trasformare le SERPS in un concorso di popolarità è un GRANDE errore ... da cui non so se Google può riprendersi. Ha perso credibilità dal mio punto di vista. Vergognoso.

  4. 4

    un modo per contrastare il punto di vista di google / facebook è curare altre fonti al di fuori della ricerca. non dobbiamo fare affidamento su algoritmi di un'unica fonte (google / facebook) per presentarci le informazioni; invece dovremmo usare le nostre capacità per identificare le risorse informative. questo non significa non usare la tecnologia, significa coltivare una pratica di scoperta che porti serendipità e sincronicità.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.