Google's Search Result Quality War

google panda

SEO.com ha pubblicato un'infografica sugli sforzi di Google per fornire risultati di ricerca di alta qualità. È uno sguardo interessante alle iniziative chiave che Google ha intrapreso per combattere i siti dai risultati di ricerca che dominano immeritatamente. Anche se questo potrebbe non sembrare un impatto su di te, in realtà lo fa. Garantire che il tuo sito oi siti dei tuoi clienti stiano seguendo le migliori pratiche dei motori di ricerca è fondamentale.

Google War on spam infographic

Ecco una ripartizione della storia dal SEO.com messaggio:

  • Aggiornamento Panda (Febbraio 2011) - Google ha represso le farm di contenuti e i siti che avevano contenuti di bassa qualità, scarsi o raschiati. L'attenzione è stata posta su contenuti unici e profondità dei contenuti. Molti siti Web sono stati interessati dall'aggiornamento. La maggior parte delle content farm è stata colpita duramente. L'aggiornamento Panda è stato implementato in più fasi durante l'anno.
  • Aggiornamento Mayday (Maggio 2010) - Google ha lanciato un aggiornamento incentrato sul traffico long tail.
  • Aggiornamento della caffeina (Agosto 2009) - Aggiornamento incentrato sull'infrastruttura per consentire a Google di indicizzare meglio le informazioni online e farlo molto più velocemente. Ha consentito un'elaborazione più approfondita, che ha consentito a Google di fornire risultati di ricerca più pertinenti. Questo aggiornamento alla fine ha permesso a Google di introdurre la velocità della pagina come fattore di ranking.
  • Aggiornamento di Plutone (Agosto 2006) - Aggiornamento focalizzato sui backlink riportati da Google. Non ci sono stati cambiamenti significativi nei risultati dei motori di ricerca.
  • Big Daddy (Febbraio 2006) - Google si è concentrato sui link in entrata e in uscita. I siti che hanno una scarsa affidabilità nei collegamenti o collegati a molti siti di spam hanno visto le pagine scomparire dall'indice. I siti di spam sono stati spostati in una categoria supplementare nei risultati di ricerca. Gli utenti hanno notato che anche dopo aver aderito all'aiuto di Google i loro siti web stavano ancora diventando supplementari.
  • Aggiornamento Jagger (Ottobre / novembre 2005) - Google ha incoraggiato gli utenti a fornire feedback sui siti Web che utilizzavano strategie SEO black hat per classificarsi bene. I siti che risultavano utilizzare tali tecniche sono stati rimossi dai risultati della ricerca. Google ha ripulito i problemi canonici e si è concentrato sulla pertinenza nel collegamento reciproco.
  • Aggiornamento Allegra (Febbraio 2005) - Questo è stato un tentativo di Google di identificare i siti di spam che sono ancora riusciti a posizionarsi in alto nei risultati di ricerca. Google ha chiesto agli utenti di fornire feedback sui siti che in realtà meritavano classifiche più alte ma non li hanno ricevuti. Gli utenti si sono lamentati del fatto che i loro siti fossero scomparsi dai risultati di ricerca e che alcuni siti di spam fossero ancora ben classificati.
  • Aggiornamento Bourbon (Maggio 2005) - Google ha lanciato questo aggiornamento in risposta a reclami di spam e richieste di reinclusione. Sono stati implementati cambiamenti strategici nel processo per renderlo più efficace. L'aggiornamento si è concentrato anche sul passaggio dai vecchi data center a quelli nuovi.
  • Aggiornamento brandy (Febbraio 2004) - Google ha posto maggiormente l'accento su parole come fiducia, autorità e reputazione. L'aggiornamento ha mostrato che fornire informazioni pertinenti è la chiave. È stata data maggiore importanza alla qualità dei contenuti di un sito web. Google ha anche sottolineato l'importanza dell'indicizzazione semantica latente.
  • Aggiornamento di Austin (Gennaio 2004) - L'aggiornamento si è concentrato su una pratica chiamata Google Bombing, in cui le persone manipolavano il sistema per produrre risultati fuorvianti. L'attenzione si è spostata sui siti con una densità di parole chiave minima e un buon collegamento interno. Ai link pertinenti è stato dato più peso in quanto i siti che si collegavano ad altri siti in un settore simile hanno ottenuto risultati migliori nei risultati di ricerca.
  • Aggiornamento Florida (Novembre 2003) - L'aggiornamento riflette il passaggio di Google da semplici filtri a un tentativo di comprendere contestualmente l'ambito della ricerca e i potenziali risultati della ricerca. L'aggiornamento ha ripulito lo spam con collegamenti semplici e altre funzionalità che hanno dato più peso a siti ben ottimizzati e collegati in modo pulito. I webmaster hanno accolto con favore l'aggiornamento e ha mostrato che Google stava dando la massima priorità agli interessi dei ricercatori. L'aggiornamento è stato un tentativo di incoraggiare i siti Web White Hat, che aderivano ai requisiti di qualità.
  • Aggiornamento di Esmerelda (Giugno 2003) - Il terzo di una serie di aggiornamenti che privilegiano le pagine che forniscono informazioni più specifiche a un visitatore. L'aggiornamento ha rivelato che le pagine interne di un sito Web potrebbero avere una maggiore rilevanza per l'aggiornamento Dominic, che sembrava dare la preferenza alla homepage anche alle ricerche mirate a una query specifica. Gli utenti hanno riferito che lo spam era notevolmente inferiore rispetto agli aggiornamenti di Dominic e Cassandra.
  • Domenico Aggiornamento (Maggio 2003) - Questo aggiornamento prende il nome dal ristorante pizzeria di Boston che è stato visitato spesso dai partecipanti al PubCon. L'aggiornamento si è concentrato sul rendere il processo di ricerca basato sul tema e sul collegamento di un data center a una particolare ricerca. L'aggiornamento ha chiarito che ogni data center doveva fare cose diverse.
  • Aggiornamento Cassandra (Aprile 2003) - Questo aggiornamento si è concentrato sulla rilevanza del nome di dominio. L'idea era che le aziende dovessero scegliere un nome che riflettesse il loro nome di dominio.
  • Aggiornamento di Boston (Marzo 2003) - L'aggiornamento di Boston si è concentrato sui collegamenti in entrata e sui contenuti unici. Il risultato è stato che molti webmaster hanno segnalato un calo dei backlink e un corrispondente calo del PageRank.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.