La causa antitrust di Google è un precursore di acque agitate per le modifiche IDFA di Apple

IDFA Apple

Mentre è ancora molto tempo, la causa antitrust del DOJ contro Google è arrivata in un momento importante per il settore della tecnologia pubblicitaria, poiché gli esperti di marketing si stanno preparando per la paralizzante di Apple Identificatore per gli inserzionisti (IDFA) i cambiamenti. E con Apple accusata anche nel recente rapporto di 449 pagine della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti di aver abusato del suo rispettivo potere di monopolio, Tim Cook deve valutare i suoi prossimi passi con molta attenzione.

La stretta di Apple sugli inserzionisti potrebbe renderlo il prossimo gigante tecnologico a essere citato in giudizio? Questa è la domanda che l'industria della tecnologia pubblicitaria da 80 miliardi di dollari sta attualmente riflettendo.

A partire da ora, Apple Inc. sembra essere bloccata tra l'incudine e il martello: ha speso milioni per posizionarsi come un'azienda incentrata sulla privacy dell'utente e nello sviluppo di un sostituto per l'IDFA, che è stata la pietra angolare della personalizzazione pubblicità digitale da anni. Allo stesso tempo, abolire l'IDFA a favore del suo sistema chiuso proprietario SkAdNetwork, renderebbe Apple un candidato ancora più probabile per una causa antitrust.

Tuttavia, con il suo recente rinvio delle modifiche all'IDFA all'inizio del 2021, Apple ha ancora tempo per cambiare la sua traiettoria attuale ed evitare di seguire le orme di Google. Sarebbe saggio per il gigante della tecnologia prendere nota del caso di Google e mantenere l'IDFA o ricostruire lo SkAdNetwork in un modo che non renda gli inserzionisti completamente dipendenti dai suoi dati utente monopolizzati.

Nella sua forma attuale, Proposto da Apple SkAdNetwork sembra un passo ancora più grande verso il monopolio di quello che ha fatto Google nel settore della ricerca. Sebbene Google sia di gran lunga il più grande attore nel suo campo, almeno ci sono altri motori di ricerca alternativi che i consumatori possono utilizzare liberamente. L'IDFA, d'altra parte, ha un impatto sull'intero ecosistema per inserzionisti, operatori di marketing, fornitori di dati dei consumatori e sviluppatori di app che hanno poca scelta se non giocare con Apple.

Non è la prima volta che Apple usa il suo vantaggio per costringere il mercato a conformarsi. Negli ultimi mesi, gli sviluppatori di app hanno respinto la gigantesca commissione del 30% di Apple da tutte le vendite effettuate nei suoi app store, un'enorme barriera per la monetizzazione. Solo le aziende di grande successo come Epic Games hanno la capacità di portare avanti una battaglia legale con il gigante della tecnologia. Ma anche Epic finora non è riuscita a forzare la mano di Apple.

Al ritmo attuale, tuttavia, i procedimenti antitrust in corso richiederanno molto tempo per effettuare cambiamenti significativi per il settore della tecnologia pubblicitaria. Gli editori sono frustrati dal fatto che la causa contro Google si concentri principalmente sugli accordi di distribuzione dell'azienda che lo rendono il motore di ricerca predefinito, ma non riesce a risolvere la loro preoccupazione principale sulle pratiche dell'azienda nella pubblicità online.

Secondo un recente studio delle autorità garanti della concorrenza del Regno Unito, solo 51 centesimi per ogni dollaro speso in pubblicità raggiunge l'editore. I restanti 49 centesimi evaporano semplicemente nella catena di fornitura digitale. Chiaramente, c'è un motivo per cui gli editori ne sono frustrati. Il caso DOJ illumina la dura realtà del nostro settore:

Siamo bloccati.

E uscire dal caos che abbiamo creato sarà un processo molto delicato, lento e noioso. Mentre il DOJ ha mosso i primi passi con Google, ha sicuramente anche Apple nel mirino. Se Apple vuole essere dalla parte giusta di questa storia in divenire, il gigante dovrebbe iniziare a pensare a come può lavorare con l'industria della tecnologia pubblicitaria piuttosto che tentare di dominarla.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.