Il sangue del blogger ribolle mentre si diffonde la disinformazione SEO

Postato da Christina Warren:

Per noi, il tipo di attacchi SEO rivelati questa settimana è solo a pochi passi da quello che fanno ogni giorno tonnellate di blogger / siti Web: provare di proposito a giocare ai motori di ricerca solo per ottenere più visite al loro sito e, per estensione, forse guadagna qualche dollaro in più. A meno che tu non stia eseguendo una truffa diretta o molto, molto fortunato, il posizionamento nei motori di ricerca più alto del mondo non avrà benefici duraturi se il contenuto è inesistente.

Un lupo arrabbiato

Lupo arrabbiatoIl post completo ha ricevuto una risposta piuttosto forte da Michael a Blog SEO di Graywolf, che letteralmente dice che Christina è un'idiota incapace. Quel tipo di linguaggio è un po 'forte, non intendo attaccare personalmente Christina, ma dirò che il suo post è stato un attacco personale a persone come me, che lavorano sui nostri blog con passione ed esperienza tecnica per attrarre e mantenere il massimo lettori.

Riconoscere la tecnologia dei motori di ricerca e ottimizzare il tuo sito non è diverso dalla ricerca del traffico e dalla ricerca della posizione migliore per il tuo negozio all'angolo. Hai un ottimo prodotto e un ottimo negozio, non è intelligente posizionare il negozio nella posizione migliore? È gaming a meno che tu non metta il tuo negozio in mezzo al deserto dove nessuno può trovarlo?

Christina sembra anche ignorare la capacità di Google di analizzare e classificare accuratamente i link. A dire il vero, puoi fare tutti i giochi che desideri, ma se nessuno fa riferimento al tuo sito, non sarai in classifica per molto tempo. La popolarità è fondamentale sul Web e i blogger si aiutano a vicenda. Faccio centinaia di ricerche con Google su base giornaliera e raramente trovo una pagina classificata in alto che non contiene le informazioni che cerco.

Sta bloggando Opportunistico? Assolutamente!

Se non stai sfruttando le opportunità offerte dai motori di ricerca, sei semplicemente stupido. non sono gaming il sistema concentrandomi sulla struttura della mia pagina, il contenuto, la selezione di parole chiave, ecc. Sto mettendo un tappeto rosso per Google, Microsoft e Yahoo! per trovarmi facilmente e organizzare correttamente i miei contenuti.

Google ha scritto la ricetta che tutti i buoni siti dovrebbero seguire. Se non riesci a seguire la ricetta, non lamentarti con me che la tua cena ha un sapore di merda rispetto alla mia. Mettiti a cucinare, segui le istruzioni ... e chiedi aiuto quando ne hai bisogno!

Commenti

  1. 1

    Doug: I suoi commenti come questo torno al tuo sito. Perspicace e chiaro. Hai perfettamente ragione in quell'analogia con il negozio nel deserto.

    Il marketing è molto importante quando la grande azienda si diffonde eccessivamente con le informazioni ed è importante raggiungere il tuo cliente. Non a tutti i costi anche se modi come lo spam che disprezzo pesantemente...

    Con i blog le piccole persone hanno un nuovo modo per farsi raccontare la loro verità e le persone che perdono il loro potere si arrabbiano. Penso che sia solo sintomatico che pensino che altre verità oltre alla loro siano totalmente sbagliate...

    Avranno un duro risveglio...

  2. 3

    Mi sembra che i commenti di Christina sul "gioco" si riferiscano più a coloro che usano le tecniche del cappello nero. Di base ottimizzazione di un blog/sito è qualcosa che tutti i marketer devono sapere o finiscono per lasciare il "gioco" per impostazione predefinita ... credo che almeno se ne renda conto e abbia ragione sull'avere il contenuto o altro.

    Per quanto riguarda la capacità di Google di classificare accuratamente le pagine... sono abbastanza buone, ma ho fatto ricerche in cui l'elenco in alto non aveva molto a che fare con la ricerca tranne che per le parole chiave che compaiono occasionalmente nel testo.

    Anche se capisco benissimo tutto quello che stai dicendo, Doug, volevo solo essere onesto con Christina, non credo che sia una totale idiota.

    • 4

      Ciao William,

      Forse è questo il problema, William. Christina non sta distinguendo ciascuno, sta semplicemente raggruppando l'intera blogosfera e dicendo che siamo il problema, non la soluzione.

      Ecco un altro sfogo:

      Si parla molto all'interno della comunità tecnologica, in particolare nella blogosfera, sull'uso della SEO e su come sia BUONO per i blogger e non influisca negativamente su lettori/cercatori/utenti abituali. Questa è una bugia.

      La SEO non va bene per lettori e ricercatori? Davvero? È tutta una bugia e i blog hanno un impatto negativo sui risultati di ricerca? Ricevo la maggior parte della mia assistenza dai blog, non dai siti di brochure... assistenza nella ricerca di fornitori, sviluppo, SEO, marketing, tecnologia... raramente trovo materiale migliore al di fuori della blogosfera.

      Credo che i blog tendano ad essere più aperti, onesti ed equilibrati rispetto ai siti web aziendali. Ecco perché le persone prestano loro così tanta attenzione e, a sua volta, Google li classifica in alto. Alle aziende questo non piace… anzi, lo disprezzano perché potrebbe costringerli ad aprirsi e iniziare a bloggare da soli.

      I media erano soliti pensare la stessa cosa, battendo sempre la blogosfera e incolpando tutti i loro problemi online sui blogger. (Proprio come hanno incolpato gli annunci che muoiono su eBay e Craigslist). Almeno i mass media sono diventati intelligenti, però, e ora stanno bloggando!

      Si tratta di domanda e offerta. Penso che Christina abbia sbagliato tutto perché le persone chiedono questo tipo di contenuto. I blogger non sono il problema. L'ignoranza è.

      PS: Non penso nemmeno che Christina sia un'"idiota". Penso solo che non abbia una solida conoscenza della natura della ricerca, del comportamento online e di come sfruttarlo adeguatamente. Conosco molte persone come Christina!

  3. 5

    Come per ogni cosa, c'è una linea sottile tra ciò che è buono e ciò che non è così buono (cattivo). Immagino che spetti a ciascuno stesso fare questa distinzione, ma per quanto riguarda la blogosfera è difficile di questi tempi che qualcosa accada senza almeno implementare alcune strategie SEO avanzate. Se leggi il blog di Matt su questo, vedi affermazioni come "non dovresti fare questo o quello, ma se lo sei allora..." – lol 🙂

  4. 6

    Questo in effetti è un po' come un "gioco" in quanto tutti dobbiamo sistemare il gioco "recupero" con le ultime tendenze ... ma questo è il caso con in qualsiasi attività commerciale.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.