3 chiavi per costruire un programma di chat marketing di successo

Chiavi per il marketing di Chatbot

I chatbot di intelligenza artificiale possono aprire la porta a migliori esperienze digitali e a maggiori conversioni dei clienti. Ma possono anche riempire la tua esperienza del cliente. Ecco come farlo bene. 

I consumatori di oggi si aspettano che le aziende forniscano un'esperienza personale e su richiesta 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, 365 giorni all'anno. Le aziende di ogni settore hanno bisogno di espandere il loro approccio per dare ai clienti il ​​controllo che cercano e convertire l'afflusso di interazioni high-touch in clienti paganti. 

Per soddisfare questa domanda, molte aziende si sono rivolte ad agenti di chat intelligenti. I chatbot sono equipaggiati in modo univoco per condurre conversazioni istantanee e altamente personalizzate, soddisfacendo le loro esigenze e contemporaneamente facendole avanzare nel percorso dell'acquirente. Il chatbot giusto può consentire ai tuoi clienti di porre qualsiasi domanda in un inglese semplice invece di dover rovistare tra pagine di prodotti, post di blog e contenuti scaricabili per trovare le risposte di cui hanno bisogno. Una sofisticata strategia di chat può persino attirare i dati dei clienti esistenti nella conversazione per soddisfare meglio le loro esigenze e far avanzare il loro viaggio.

Tuttavia, le soluzioni di chat in sé e per sé non sono una panacea. Sebbene i chatbot efficaci abbiano dimostrato di aumentare le conversioni online del 20-30 percento, un programma di chat mal pianificato a volte può fare più male che bene. Ma quando un programma di chatbot viene pianificato con cura ed eseguito abilmente, è facile per le aziende portare avanti i lead in modo più rapido, efficiente e su larga scala.

1. Metti al primo posto il tuo pubblico

Quando progetti il ​​tuo assistente di chat AI, pensa al tuo mercato. Dovresti progettare il tuo agente in base a chi conosci i tuoi clienti, inclusa la tua comprensione del loro stile di conversazione. Al tuo pubblico piacciono l'umorismo e il fascino? O preferiscono andare dritti al punto? Una volta che sai con chi stai parlando, sarai in grado di determinare la personalità e il tono di voce del tuo agente.

Sappiamo già che la personalizzazione è la chiave per le interazioni in chat...

L'80% dei consumatori afferma di essere più propenso ad acquistare da un'azienda che offre esperienze su misura.

50 statistiche che mostrano il potere della personalizzazione

Ci sono innumerevoli modi per introdurre un tocco personale. Inizia rivolgendoti ai clienti per nome e chiedendo loro le loro preferenze personali per aiutarli a sperimentare il tuo prodotto o servizio come su misura per le loro esigenze. Più conosci il tuo cliente, più facile sarà personalizzare il suo supporto in chat. 

Un'intelligenza artificiale (AI) può utilizzare i dati sulla posizione per individuare posizioni convenienti, ad esempio, o ricordare compleanni e occasioni speciali per offrire sconti e messaggi di celebrazione personalizzati. Ma la personalizzazione non può superare la rilevanza; se un cliente è alla ricerca di supporto tecnico, il tuo assistente di chat intelligente non dovrebbe costringerlo a passare attraverso un funnel di vendita. Assicurati di affrontare lo scopo dichiarato dai clienti, che si tratti di rispondere direttamente alle domande o di fornire collegamenti a risorse utili.

Un'altra best practice importante per il nutrimento della chat è la brevità. Offri risposte brevi per mantenere i clienti sulla buona strada invece di inondarli di opzioni e rispondi alle domande generali con dettagli specifici dell'account quando possibile. In questo modo, il tuo agente incorporerà la personalizzazione e la pertinenza in risposte concise che soddisfano e anticipano le esigenze in tempo reale dei tuoi clienti.

2. Crea conversazioni utili e intriganti che convertono

Per assicurarti che il tuo agente di chat sia il più utile possibile, vale la pena mappare i possibili flussi di conversazione. Immagina come potrebbero svolgersi le interazioni con i tuoi clienti e pianifica in anticipo risultati di successo, vicoli ciechi e strategie di re-engagement a seconda delle loro potenziali risposte. 

Quindi crea una base di conoscenza a cui il tuo assistente AI può attingere per completare efficacemente quei flussi di chat. Più materiale hai nella tua base di conoscenza, meglio è; puoi includere messaggi standard, domande frequenti, collegamenti utili, descrizioni di prodotti e altro ancora. Se la tua piattaforma chatbot è in grado di gestire contenuti multimediali, puoi organizzare anche quelle risorse visive nella tua knowledge base. Ad esempio, GIF, video, adesivi, grafica, pulsanti e altre forme di contenuto multimediale possono animare le conversazioni di chat e farle saltare fuori dallo schermo.

I contenuti rich media aiutano a infondere personalità agli agenti di chat intelligenti e creano esperienze memorabili per i clienti, ma ricordano sempre lo scopo della conversazione. Dare priorità alla chiarezza sugli obiettivi dei tuoi clienti (e sulle capacità del tuo agente) garantirà la soddisfazione e li aiuterà ad arrivare dove stanno andando; GIF e adesivi dovrebbero essere la ciliegina sulla torta.

3. Evita le insidie ​​​​comuni degli assistenti chat

Uno dei maggiori vantaggi degli assistenti di chat intelligenti è che migliorano nel tempo. Gli agenti basati sull'intelligenza artificiale impareranno attraverso l'esperienza e miglioreranno man mano che completeranno sempre più chat. Detto questo, non è mai una buona idea liberare un chatbot inesperto su clienti reali. Chiedi al tuo staff di testare il tuo agente internamente prima di renderlo disponibile a un pubblico di prova più ampio e infine di rilasciarlo al pubblico. Dovresti monitorare continuamente le prestazioni e raccogliere feedback per assicurarti che il tuo agente stia effettivamente migliorando e imparando, anche dopo il lancio.

Per monitorare con successo il tuo agente intelligente, decidi le metriche delle prestazioni che monitorerai dal primo giorno. Determina come misurerai il successo e identificherai i KPI come le conversazioni totali, il tasso di coinvolgimento, la durata e il tasso di passaggio e di fallback. Ciò ti aiuterà a creare i guardrail affinché il tuo agente continui a migliorare verso i suoi obiettivi specifici, iterando costantemente verso la perfezione della chat.

Non importa quanto sia accurato il tuo agente di intelligenza artificiale, i clienti a volte avranno bisogno di una rampa di lancio intuitiva per un altro tipo di interazione. Approfondisci il passaggio a un punto vendita, un agente in tempo reale o anche un indirizzo e-mail dedicato per creare transizioni facili e senza interruzioni ed evitare la frustrazione o l'abbandono dei clienti. Anche la rampa di uscita dovrebbe aiutare i clienti a raggiungere i loro obiettivi dichiarati e spostarli attraverso l'imbuto.

Qualunque sia il tuo settore e chiunque siano i tuoi clienti, il nutrimento intelligente della chat è un modo potente per offrire esperienze personalizzate che convertono. 

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.