Vivi, ama, ridi

riflettereUltimamente ho riflettuto molto e sono diventato poetico con mio figlio sulla vita, la genitorialità, il lavoro, le relazioni, ecc. La vita ti viene incontro a tappe e sei costretto a prendere decisioni che non avresti mai voluto.

Fase 1: matrimonio

Circa 8 anni fa è stato il mio divorzio. Dovevo capire se potevo sopportare o meno di essere un padre da "fine settimana" o uno single. Ho scelto quest'ultimo perché non avrei potuto vivere senza i miei figli.

Durante il divorzio, ho dovuto capire che tipo di uomo sarei diventato. Sarei stato un ex marito arrabbiato che ha trascinato il suo ex dentro e fuori dal tribunale, ha parlato male del suo ex ai suoi figli, o avrei preso la benedizione di avere i miei figli e prendere la strada giusta. Credo di aver preso la strada maestra. Parlo ancora spesso con la mia ex moglie e talvolta prego per la sua famiglia, so che stanno lottando. La verità è che ci vuole molta meno energia in questo modo ei miei figli stanno molto meglio per questo.

Fase 2: lavoro

Anche al lavoro ho dovuto prendere delle decisioni. Ho lasciato più di alcuni ottimi lavori negli ultimi dieci anni. Ne ho lasciato uno perché sapevo che non sarei mai stato quello che il mio capo voleva che fossi. Ne ho lasciato un altro di recente perché non ero personalmente soddisfatto. Sono in un lavoro fantastico adesso questo mi sfida ogni singolo giorno ... ma sono realistico che probabilmente non sarò nemmeno qui tra dieci anni.

Non è che abbia dubbi, è solo che mi trovo più a mio agio con la mia "nicchia" nel marketing e nella tecnologia. Mi piace muovermi velocemente al lavoro. Quando le cose rallentano e le aziende hanno bisogno di quelle competenze che non mi interessano, mi rendo conto che è ora di andare avanti (dentro o fuori). Ho capito che quando lavoro sui miei punti di forza, sono una persona molto più felice di quando mi preoccupo delle mie debolezze.

Fase 3: famiglia

Mi sto avvicinando ai 40 anni e sono arrivato a un punto della mia vita in cui devo prendere decisioni anche con le mie relazioni. In passato, ho speso molte energie per avere una famiglia che fosse "orgogliosa di me". Per molti versi, la loro opinione era più importante della mia. Col tempo, mi sono reso conto che misuravano il successo in modo molto diverso da come avessi mai fatto io.

Il mio successo è misurato dalla felicità dei miei figli, dalla qualità e quantità di solide amicizie, dalla mia rete di collaboratori, dal rispetto che ottengo sul lavoro e dai prodotti e servizi che offro ogni giorno. Potresti notare che il titolo, la fama o la fortuna non erano lì. Non lo erano e non lo saranno mai.

Di conseguenza, la mia decisione è stata quella di lasciare indietro le persone che cercavano di trascinarmi giù invece di sollevarmi. Li rispetto, amo e prego per loro, ma non ho intenzione di sprecare energie per cercare di renderli più felici. Se secondo loro non ho successo, possono mantenere la loro opinione. sono responsabile della mia felicità e dovrebbero accettare la responsabilità per la loro.

Come padre, sono entusiasta di chi sono i miei figli attualmente e li amo incondizionatamente. Le nostre conversazioni quotidiane riguardano ciò che sono riusciti a fare, non i loro fallimenti. Detto questo, sono duro con i miei figli se non sono all'altezza del loro potenziale, però.

I voti di mia figlia sono diminuiti notevolmente la scorsa settimana. Penso che la maggior parte fosse dovuta al fatto che la sua vita sociale era diventata più importante del suo lavoro scolastico. Però le faceva male quando prendeva i voti. Ha pianto tutto il giorno perché è tipicamente una studentessa A / B. Non era quanto fossi deluso ad essere evidente, era quanto lei fosse delusa.

Katie ama essere leader in classe e odia essere l'ultima. Abbiamo apportato alcune modifiche: niente amici in visita nei giorni feriali e niente trucco. Il trucco era quello difficile ... pensavo davvero che mi avrebbe fatto dei buchi con i bulbi oculari. Entro la settimana, però, i suoi voti iniziarono a tornare. Non mi brucia più i buchi, e l'altro giorno in macchina ha persino riso di me.

È un atto difficile, ma sto facendo del mio meglio per accentuare il positivo, non il negativo. Sto cercando di guidarli in direzione del bellissimo mare, non sempre ricordando loro la tempesta alle loro spalle.

Man mano che i miei figli si sentono a proprio agio con ciò che sono, mi affeziona sempre di più a ciò che stanno diventando. Mi stupiscono ogni giorno. Ho figli incredibili ... ma non ho idee sbagliate su chi "penso che dovrebbero essere" o "come dovrebbero agire". Sta a loro capirlo. Se sono felici con se stessi, la loro direzione nella vita e con me ... allora sono felice per loro. Il modo migliore per insegnare loro è mostrare loro come mi comporto. Buddha disse: "Chiunque mi vede vede il mio insegnamento". Non potrei essere più d'accordo.

Fase 4: gioia

Ricordo a commento tempo fa da buon 'amico virtuale', William che ha chiesto: "Perché i cristiani devono sempre identificarsi?". Non ho mai risposto alla domanda perché dovevo pensarci molto. Lui aveva ragione. Molti cristiani annunciano chi sono con un atteggiamento "più santo di te". William ha tutto il diritto di sfidare la gente su questo. Se ti metti su un piedistallo, preparati a rispondere al motivo per cui sei lì!

Voglio che le persone sappiano che sono cristiano, non perché è quello che sono, ma perché è quello che spero di essere un giorno. Ho bisogno di aiuto con la mia vita. Voglio essere una persona gentile. Voglio che i miei amici mi riconoscano come una persona a cui importava, che mettessero un sorriso sul loro viso o che li ispirassero a fare qualcosa di diverso con le loro vite. Mentre sono al lavoro a lavorare con un venditore ostinato o un bug che sto risolvendo in circolo, è facile per me dimenticare il quadro generale e pronunciare poche parole. È facile per me arrabbiarmi con le persone dell'azienda che mi stanno dando del filo da torcere.

La mia visione (limitata) degli insegnamenti in cui credo mi dice che quelle persone di quell'altra azienda stanno probabilmente lavorando sodo, hanno delle sfide che stanno cercando di superare e meritano la mia pazienza e il mio rispetto. Se ti dico che sono un cristiano, mi espone alle critiche quando sono un ipocrita. Sono spesso un ipocrita (troppo spesso) quindi sentiti libero di farmi sapere che non sono un buon cristiano, anche se non hai le mie stesse convinzioni.

Se riesco a capire la fase 4, lascerò questo mondo come una persona molto, molto felice. So che proverò la vera gioia ... Ho visto quel tipo di gioia in altre persone e lo voglio per me stesso. La mia fede mi dice che questo è qualcosa che Dio vuole me da avere. So che è qualcosa che è lì per essere preso, ma è difficile respingere le cattive abitudini e cambiare il nostro cuore. Continuerò a lavorarci sopra, però.

Spero che questo non sia stato un post troppo eccitante per te. Avevo bisogno di sfogarmi un po 'sui problemi della mia famiglia e scrivere in modo trasparente mi aiuta molto. Forse aiuterà anche te!

Commenti

  1. 1

    GRANDE post! E mi piace sapere che non sono l'unico genitore che punisce togliendosi il trucco. Mia figlia pensa che l'eyeliner sia il suo migliore amico. È incredibile quanto velocemente "lo capisca" quando non le è permesso averlo. 🙂

    • 2

      Eyeliner is the father-of-a-13-year-old’s enemy. 🙂

      I think make-up is a slippery slope. I’ve never been a fan of a lot of make-up and my theory is that women use more and more because they get desensitized to how beautiful they really are. So… if you’re 13, you wind up looking like a Picasso by the time you’re 30.

      Con una pausa per il trucco, spero che Katie possa vedere quanto è bella e poi usarne meno in seguito.

      • 3

        Sono d'accordo. Anche se le abilità di eyeliner di mia figlia sono state molto utili stasera mentre mi stavo preparando per il gala dei Crystal Heart Awards dell'Heartland Film Festival. Ha proclamato che stavo "facendo male" e ha proceduto a truccare i miei occhi con molto gusto. Sì, non sono un grande fan del trucco, soprattutto b / c non mi piace passare il tempo su di esso. Molte donne che lo indossano con una cazzuola dovrebbero smetterla b / c sono effettivamente molto belle sotto. Sei un buon padre per aver cercato di insegnare a tua figlia cos'è veramente la bellezza.

  2. 4

    Wow, che post Doug! Mi piace molto il tuo atteggiamento.

    Sai, c'è una grande sovrapposizione tra cristianesimo e islam quando si tratta di valori familiari e sociali. Molto di quello che hai detto in cui credi esemplifica molti degli insegnamenti dell'Islam. È divertente che a volte i non Mulsim come te facciano un lavoro migliore nel dimostrare i valori islamici rispetto ad alcuni musulmani stessi.

    Quindi per questo ti saluto! Mantieni l'atteggiamento positivo. Sei un grande blogger e sembri davvero un inferno di papà.

    • 5

      Grazie AL,

      It’s funny you say that. I have read the Qur’an and have some friends that are Islamic. Every time we get together we find so much in common between our religions. Thanks for your compliments as well – I don’t think I’m as a good a parent as I could be, but I am trying!

  3. 6

    Mi dispiace dirlo, ma questo post mi fa discutere se annullare o meno l'iscrizione, per alcuni motivi:

    1. Questo è un blog sul marketing (o questa è la mia impressione). Mentre va bene aggiungere personalità e va bene menzionare le tue convinzioni, un lungo post sulla religione mi ha spento.

    Non fraintendermi; la religione va bene e io rispetto le tue convinzioni. Ma la religione è personale, e non credo davvero che abbia un posto in un blog aziendale. Se volessi leggere di religione, mi iscriverei a blog con opinioni religiose.

    2. Scrivere di un'adolescente che piange tutto il giorno per i brutti voti mi fa sentire male allo stomaco. Il ragazzo non è deluso, molto probabilmente ha paura della tua reazione!

    3. Scrivere di punire un bambino per i brutti voti dopo aver pianto tutto il giorno (che non è proprio una reazione normale da adolescente) mi fa sentire ancora più malato. Punisci qualcuno quando ha fatto qualcosa di sbagliato e non te ne pentirai, certo. Ma quando qualcuno ha fatto una cattiva scelta, l'ha realizzata, ha imparato da essa ed è pronto a fare meglio la prossima volta, lascia perdere. Lascia che la ragazza acquisisca sicurezza. Lascia che faccia meglio perché vuole, non perché ha paura della punizione.

    Rispetto che tu possa o meno essere d'accordo con me. Ho solo pensato che ti sarebbe piaciuto sapere perché questo post sul blog ha mancato completamente il bersaglio con me.

    • 7

      Ciao James,

      Thanks for taking the time to write. If you feel compelled to unsubscribe, I’d be sorry to see you go but I’m okay with that. This is not a corporate blog, it’s a personal one. As such, I advise my readers on my craft but I’m also transparent in relaying my beliefs with my readers.

      Over time, I’ve become great friends with readers of my blog – mostly in part to the fact that I share both my work and my life with my readers. I do; however, keep my personal posts in my “Homefront” category so that you can avoid reading them if you’d like.

      I respect your opinion on what happened with my daughter as well. My daughter isn’t locked up anywhere :), she has quite a setup… cell phone, mp3 player, computer, television, etc. so she’s hardly ‘punished’ although taking away makeup was what gave her a hard time. I can guarantee you that she is not afraid of me. She may get upset if she thinks she disappointed me, but I’ve never given Katie a reason to be ‘scared’.

      I’m not so sure, at 13, I should have ever allowed her to put on makeup but she’s a good girl with good grades and a great attitude – so I try to give her the freedom she wants. When she shows me she can handle it, I never put boundaries on her. If you’re a parent, you know how difficult these situations are.

      I hope you stick around and get to know me! There’s good info on this blog and I love to share what I learn in the industry.

      Saluti,
      Doug

  4. 8

    Giusto abbastanza, Doug. Ho anche un blog aziendale con una categoria chiamata "Personal Ramblings" per lo stesso tipo di cose. Il layout e la copertura del sito fino a quel momento mi avevano dato l'impressione che fosse un blog strettamente aziendale.

    Mi trovo in una posizione molto strana su Internet. Sono canadese e la nostra cultura tende a essere molto più tranquilla riguardo alla religione rispetto ai nostri vicini americani, molti dei quali tendono ad essere piuttosto estremisti (secondo me, e non sto dicendo che tu sia estremista). Rispetto le convinzioni delle persone e ho anche le mie, semplicemente non mi piace essere alimentato forzatamente.

    Sfortunatamente, quell'estremismo mi ha lasciato molto diffidente nei confronti della bibbia e il mio radar per i colpi in arrivo sembra essere impostato su un'alta sensibilità. Quindi se non vengo picchiato qui, rimarrò qui. Trattamento equo?

    Per quanto riguarda le figlie ... È bello sentire che riconosci che gli adolescenti hanno bisogno di quella libertà e grazie per aver chiarito questo aspetto. Credo fermamente che più è stretto il guinzaglio, maggiori sono i problemi per i quali si preparano i genitori. Inoltre non "capisco" i genitori che tengono una mano pesante con i loro figli. Semplicemente non è la risposta.

    E… ho io stesso un bambino di 14 anni e un bambino, così posso relazionarmi con le sfide della genitorialità e il potere del trucco.

    Thanks again for your response. I had a bit (okay a lot) of a knee-jerk reaction to the post, so to share a little about me so you don’t think I’m a complete ass, read up on my post about knee-jerk reactions.

    • 9

      We Americans like to shove everything in everyone’s face – war, wealth, technology, music, religion… you name it and we’re proud of how bad we mess it up! When one of us is sincere, it’s difficult to take us serious.

      I lived in Vancouver for 6 years, graduating from High School there. In fact, my Mom’s side of the family are all Canadian. My grandfather is a retired officer from the Canadian forces. I’m a huge fan of Canada and can still sing the anthem (in English, I forgot the French version). My mother is Quebecois, born and raised in Montreal.

      Scherzo con i miei compagni di scuola superiore sul fatto che l'America non potrebbe chiedere un cappello migliore del Canada!

      Grazie per la tua risposta premurosa ... Non l'ho mai presa in quel modo.

  5. 10
  6. 12

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.