Il marchio del creatore ha socialità sotto un barile - Più acqua nel ramo, per favore!

Recentemente ho letto il post su La Chiesa del Cliente, scritto da Jackie Huba e Ben McConnell (due delle persone più intelligenti in questo settore), riguardo al trambusto su Marchio del creatore. Maker's Mark è un marchio sotto l'ombrello di Famiglia di prodotti Beam

Anche il nostro amico di Raidious, Dodge Lile, è intervenuto con alcune astute osservazioni. Sembra che Maker's Mark avesse deciso di diluire il proprio prodotto per aumentare le scorte in corso e soddisfare così la crescente domanda. Il contraccolpo che il marchio Maker's Mark ha subito condividendo questa decisione tramite il loro sito Web e i canali social è stato, beh, diciamo solo che avrei bevuto più bourbon ultimamente se fossi Rob o Bill Samuels.

Dalla maggior parte dei commenti che ho letto, il Maker's Mark Social Club è ora ritratto o come salvatore, come giusto correttore di rotta, o come canali con cui bloccare decisioni sbagliate non intenzionali. Ma ho un paio di commenti, osservazioni e raccomandazioni aggiuntivi. Maker's Mark ha sicuramente capito che ci sono marchi, e poi ci sono marche.

Molti dei prodotti all'interno del portafoglio prodotti di Beam non sarebbero certamente soggetti a tale controllo per quanto riguarda la formulazione. Ma che dire di Laphroaig? Ardmore? Courvoisier? Tutti questi sono anche marchi Beam. Non riesco a pensare a una decisione più incendiaria e semplice che pasticciare con prodotti che hanno resistito alla prova del tempo. Ma aspetta, il mercato è a conoscenza delle modifiche a questi prodotti nel corso degli anni? Sono state apportate modifiche senza avvisare il consumatore? Ne dubito.

Il mio punto è questo. Una volta che hai un marchio, un prodotto, che tu come fornitore consideri quasi sacro, apporti modifiche significative ad esso, senza alcuna interazione e feedback da parte del consumatore? La maggior parte dei grandi prodotti avrà un seguito fedele molto tempo dopo che i dirigenti del marketing e le loro armate di api operaie passeranno a nuovi marchi, a nuove aziende. È qui che così tanti marchi falliscono nel modo in cui si avvicinano all'utilizzo dei social media.

Guardano i social media come solo un altro canale, senza creare una community di sostenitori del marchio impegnati a lavorare a stretto contatto con il marchio. Semplicemente non puoi farlo solo tramite Twitter e Facebook e costruire una relazione sostenibile e utile. Certo, queste piattaforme social possono essere utilizzate come canali di comunicazione per la comunità, ma è fondamentale costruire un portale solido, un focus group virtuale se vuoi, e usarlo come luogo di interazione. È lo stesso del crowdsourcing? Lontano da esso. Il tuo marchio ha poca idea di chi è in mezzo alla folla e di quali colori indossa.

Il dilemma Bourbon evidenzia anche una delle nuove realtà critiche del marketing nel XXI secolo. Il marketing non esiste in un vuoto, sequestrato dalle sale della gestione del prodotto, dell'assistenza clienti e della suite esecutiva. Deve essere intimamente coinvolto nelle decisioni chiave che influenzano il marchio, ovunque il marchio interagisca con il cliente. Questa è la vera promessa di come il sociale può e deve essere utilizzato, poiché le barriere che una volta esistevano sono ora meno rilevanti. Tuttavia, non dovremmo considerare tutte le cose sociali come il motore di questo sforzo. E fare altrimenti significa essere altamente reazionari nell'arena di un mondo socializzato. Maker's Mark è stato letteralmente costretto all'angolo e ha messo il team di marketing di Beam in un posto che sembra contrario al loro codice di marketing.

La pubblicità e il marketing devono: "Mostra solo informazioni veritiere sulla gradazione alcolica e non enfatizzare la gradazione alcolica come un attributo positivo del marchio." Codice di marketing del fascio.

Che tu sia Maker's Mark o qualsiasi marchio, prenditi il ​​tempo e sforzati di fare un duro lavoro dietro le quinte, prima di fare affidamento sul regno dei social per risolvere tutti i tuoi problemi. E bevi responsabilmente.

 

Commenti

  1. 1

    Capisco perché volevano fare il cambiamento, ma è stata una pessima decisione sin dall'inizio. Quando l'ho sentito al telegiornale ho riso a mia moglie e ho detto "Sì, non funzionerà bene". e guarda .. non l'ha fatto.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.