La recessione è una tattica di marketing RICHIESTA

Sono un grande fan del blog di Andy Sernovitz, Dannazione! Vorrei averlo pensato! Oggi, però, non sono sicuro di essere d'accordo con Andy.

Marketing: smetti di inviare promozioni che iniziano con questi tempi difficili, come fare marketing in una recessione o qualsiasi altra promozione a tema di cattiva economia.

Vorrei che Andy ci avesse pensato:

Eseguire una ricerca su Recessione su Google e scoprirai che i numeri sono piuttosto sorprendenti. Siamo in recessione. Siamo nel profondo di una recessione. Molte persone stanno perdendo il lavoro. La paura che gli altri perdano il lavoro induce i consumatori a ridurre le spese. Non è una brutta cosa, è una cosa logica.

Parlare di come risparmiare in una recessione potrebbe non suonare positivo - ma non è nemmeno negativo. Il la recessione è un aspetto negativo, i tuoi prodotti o servizi che fornisci possono ancora essere positivo.

Questo non è né l'uovo né la gallina… non siamo entrati in questo casino perché la gente ha iniziato a parlare di una recessione o ne sta parlando. In effetti, la recessione potrebbe essere iniziata un anno fa prima che qualcuno ne parlasse davvero. Ora che ci siamo dentro, dobbiamo intraprendere azioni per uscirne vivo.

Ogni azienda dovrebbe pensare a come sfruttare al meglio la recessione e inviare messaggi di conseguenza. Cosa offre la tua azienda alle aziende o ai consumatori che cercano modi per ridurre? È meglio che inizi a parlarne!

Compendium Blogware è un ottimo esempio:

La mia azienda fornisce un'alternativa meno costosa per i professionisti del marketing per generare lead in entrata per le loro aziende. Secondo eMarketer, il marketing è sul tagliere per molte aziende:

eMarketer recessione

Se sono un operatore di marketing presso un'azienda che lascia andare parte del personale o cerca posti in cui tagliare, indovina cosa sto cercando su Google? Sto cercando modi per tagliare il mio budget, sembrare un campione e salvare il mio lavoro finché questa cosa non sarà finita!

Alcune altre statistiche che fanno riflettere sul marketing in una recessione:

  • 48% delle grandi aziende statunitensi intervistate da MarketingSherpa a settembre hanno dichiarato che i loro budget per i media tradizionali sarebbero stati tagliati; Il 21% ha affermato che i tagli sarebbero "significativi".
  • Il 59% dei 175 dirigenti di marketing senior intervistati dalla società di servizi di marketing Epsilon si aspettavano una riduzione dei budget di marketing tradizionali; solo il 13% prevedeva un aumento.
  • 85% dei 600 marketer intervistati da Proff di marketing hanno affermato che avrebbero ridotto i loro tradizionali veicoli di marketing.
  • 53% dei Associazione degli inserzionisti nazionali (ANA) i membri hanno detto che stavano tagliando i budget in risposta alla flessione; Il 40% ha affermato di aver modificato il mix di canali di marketing in canali a basso costo.

Sarebbe irresponsabile per me, come marketer, non parlare della recessione e del motivo per cui siamo un'alternativa a basso costo alle aziende che stanno cercando di guidare gli affari senza le risorse che avevano prima. Questo è il clima esatto su cui dobbiamo capitalizzare e crescere.

Dovresti anche fare marketing a riguardo.

Punta di cappello a Jeff a il design seminterrato + movimento per il collegamento al documento eMarketer!

Commenti

  1. 1

    Sono totalmente d'accordo con te Doug. Vorrei fare un ulteriore passo avanti e dire che se vogliamo davvero aiutare, diremmo loro in modo molto aggressivo come astenersi dal commettere errori in un'economia al ribasso o in una recessione o come volete chiamare questi tempi.

    Per andare oltre, direi che, poiché il marketing è una componente integrante del piano aziendale complessivo, dovremmo rivolgerci anche all'imprenditore o al proprietario di un'impresa, in particolare al piccolo imprenditore che in genere fa tutto da solo. La maggior parte di questi imprenditori sono pietrificati, stanno aspettando che la prossima scarpa cada e sperano che qualcuno dia loro qualche consiglio, qualche buon consiglio.

    Sono d'accordo sul fatto che dobbiamo dire loro la verità: "Dieci modi per evitare che la tua piccola impresa fallisca in questa economia al ribasso" o qualcosa del genere. Dobbiamo dire loro che dovrebbero spendere per il marketing in questo tipo di economia e perché.

  2. 2

    Ottimo post, Doug, molto semplice e professionale. Mi sono unito a te su Friend Connect.

    Domande: Perché così tante persone, perché QUALCUNO, crede che il marketing sia il primo taglio più saggio? Non dovrebbe essere l'esatto contrario? Perché non ci avvolgiamo tutti in un mantello dell'invisibilità? È la stessa cosa. Come dovrebbe un'azienda fare soldi se nessuno può vederli?

    Sul rovescio della medaglia, il marketing non solo PARLA, ma in questa era del marketing sociale, ASCOLTA e risponde di conseguenza. Osserva, naviga. Tagliare il marketing in questo caso è come uno struzzo che seppellisce la testa nella sabbia o un bambino che chiude gli occhi e si copre le orecchie.

    Tutti i dirigenti devono prendere il treno degli indizi: il marketing è l'ULTIMA cosa che dovresti tagliare. Questo per me è un vero, completo e totale gioco da ragazzi. Un gioco da ragazzi! Tagliare il marketing?! Che cosa?! Mi scusi?!

    ... e questo, amici, è l'atteggiamento che i marketer devono ritrarre se vogliamo sopravvivere.

    • 3

      Bella domanda, Will! I miei due centesimi sono che la maggior parte dei marketer è diretta a reagire piuttosto che a pianificare. I dipartimenti di marketing in genere non hanno il personale con cui iniziare per generare la crescita e MISURARE tale crescita per un'azienda. Poiché non possono mostrare il loro valore all'organizzazione, sono spesso i primi sul tagliere.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.