Come ridurre al minimo l'impatto della ricerca durante la migrazione a un nuovo dominio

dominio del motore di ricerca

Come per molte aziende che crescono e fanno perno, abbiamo un cliente che sta cambiando marchio e sta migrando in un dominio diverso. I miei amici che si occupano di ottimizzazione per i motori di ricerca stanno rabbrividendo adesso. I domini creano autorità nel tempo e strappare quell'autorità può riempire il tuo traffico organico.

Mentre Google Search Console offre un file strumento di cambio di dominio, quello che trascurano di dirti è quanto sia doloroso questo processo. Fa male ... male. Ho cambiato dominio molti anni fa sul blog Marketing Tech per separare il marchio dal mio dominio personale e ho perso quasi tutte le mie parole chiave classificate premium insieme ad esso. Ci è voluto un po 'per ritrovare la salute organica che avevo una volta.

Tuttavia, puoi ridurre al minimo l'impatto del ranking della ricerca organica eseguendo un po 'di lavoro di pre-pianificazione e post-esecuzione.

Ecco una lista di controllo SEO pre-pianificazione

  1. Controlla i backlink del nuovo dominio - È piuttosto difficile ottenere un dominio che non è stato utilizzato prima. Sai se il dominio è stato utilizzato in precedenza? Potrebbe essere stata una grande fabbrica di SPAM e bloccata del tutto dai motori di ricerca. Non lo saprai fino a quando non eseguirai un controllo del backlink sul nuovo dominio e rinnegherai eventuali link discutibili.
  2. Rivedi i backlink esistenti - Prima di migrare a un nuovo dominio, assicurati di identificare tutti i backlink eccezionali che hai attualmente. Puoi creare un elenco di obiettivi e chiedere al tuo team di PR di contattare ogni sito collegato a te per chiedere loro di aggiornare i loro collegamenti al nuovo dominio. Anche se ne ottieni solo una manciata, può comportare un rimbalzo su alcune parole chiave.
  3. Site Audit - è probabile che tu abbia risorse di marca e link interni che sono tutti correlati al tuo dominio attuale. Ti consigliamo di modificare tutti quei collegamenti, immagini, PDF, ecc. E assicurarti che vengano aggiornati una volta che saranno pubblicati con il nuovo sito. Se il tuo nuovo sito si trova in un ambiente a fasi (altamente consigliato), apporta queste modifiche ora.
  4. Identifica le tue pagine organiche più efficaci - su quali parole chiave sei classificato e su quali pagine? Queste sono le classifiche che vorrai monitorare utilizzando uno strumento come quello dei nostri partner gShift Labs. Puoi identificare le parole chiave con marchio, le parole chiave regionali e le parole chiave topiche in cui classifichi e quindi misurare quanto stai recuperando dopo il cambio di dominio.

Esegui la migrazione

  1. Reindirizza correttamente il dominio - Ti consigliamo di reindirizzare 301 i vecchi URL a nuovi URL con il nuovo dominio per un impatto minimo. Non vuoi che tutti arrivino alla home page del tuo nuovo dominio senza alcuna notifica. Se stai ritirando alcune pagine o prodotti, potresti portarli a una pagina di notifica che parla del cambiamento del marchio, del motivo per cui l'azienda lo ha fatto e dove possono ottenere assistenza.
  2. Registra il nuovo dominio con i webmaster - Accedi immediatamente a Webmaster, registra il nuovo dominio e invia la tua sitemap XML in modo che il nuovo sito venga immediatamente raschiato da Google e i motori di ricerca inizino ad aggiornarsi.
  3. Eseguire il cambio di indirizzo - segui la procedura dello strumento di cambio di indirizzo per far sapere a Google che stai migrando a un nuovo dominio.
  4. Verifica che Analytics funzioni correttamente - Accedere analitica e aggiorna l'URL della proprietà. A meno che tu non abbia molte impostazioni personalizzate associate al dominio, dovresti essere in grado di mantenerle analitica rendere conto del dominio e continuare la misurazione.

Post-migrazione

  1. Avvisa i siti che collegano al vecchio dominio - Ricordi quella lista che abbiamo fatto dei backlink più credibili e rilevanti? È ora di inviare un'email a quelle proprietà e vedere che aggiornano i loro articoli con le tue ultime informazioni di contatto e il tuo marchio. Più successo hai qui, migliore sarà la tua classifica.
  2. Audit post migrazione - È ora di fare un altro controllo del sito e ricontrollare che non ci siano collegamenti interni che puntano al vecchio dominio, immagini con menzioni o qualsiasi altro materiale che potrebbe dover essere aggiornato.
  3. Monitorare le classifiche e il traffico organico - Monitora le tue classifiche e il traffico organico per vedere quanto stai riprendendo dal cambio di dominio.
  4. Aumenta i tuoi sforzi di pubbliche relazioni - È ora di cercare ogni firma su cui puoi mettere le mani ora per aiutare la tua azienda a riconquistare l'autorità e la presenza sui motori di ricerca. Vuoi un sacco di chiacchiere là fuori!

Consiglio vivamente anche una serie di contenuti premium pubblicati per fare un grande successo. Dall'annuncio del marchio e cosa significa per i clienti attuali a infografiche e white paper per sollecitare un'ottima risposta dai siti pertinenti.

Un commento

  1. 1

    Questi sono ottimi suggerimenti! È davvero un peccato quando le tue parole chiave classificate a prezzo affondano drasticamente quando ti reinserisci in un nuovo dominio. È come dire addio a tutto il tuo duro lavoro e ricominciare da capo.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.