I 3 principali errori di marketing commessi dalle nuove imprese

errori

Perchè hai iniziato la tua attività? Scommetto alla fattoria che "perché volevo fare il marketing" non era la tua risposta. Tuttavia, se sei come le centinaia di piccoli imprenditori con cui ho lavorato, probabilmente circa 30 secondi dopo aver aperto le tue porte hai capito che se non sei diventato un marketer, non saresti diventato un piccolo imprenditore per molto tempo. E, a dire il vero, questo ti frustra perché non ti piace il marketing e ti distrae da altre aree della tua attività.

Bene, ho delle buone notizie. Sebbene non sia possibile eliminare la necessità per te di commercializzare la tua attività, puoi eliminare gran parte della tua frustrazione affrontando i tre principali errori di marketing che vedo fare alle aziende.

Errore n. 1: concentrarsi sulle metriche sbagliate

L'enorme volume di dati disponibili per analizzare il marketing oggi è sbalorditivo. Google Analytics, di per sé, fornisce così tanti dati che puoi consumare un intero fine settimana analizzandolo - solo per scoprirlo alla fine porta a conclusioni contraddittorie a seconda dei dati a cui dai la priorità. E questi sono solo i dati per il tuo sito web! I rapporti per la pubblicità digitale, i social media e altre aree del marketing sono altrettanto opprimenti e contraddittori.

Avere accesso a tutti questi dati è una buona cosa, ma può servire a distrarre i proprietari di piccole imprese dai dati che contano davvero. Ecco perché è fondamentale restringere la tua attenzione alle uniche due metriche che alla fine contano quando si tratta di marketing: il costo per acquisire un cliente e il valore a vita di un cliente. Se il flusso di cassa è un problema, ti consigliamo di concentrarti sul valore del cliente mensile o annuale anziché sul valore a vita, ma il principio fondamentale è lo stesso. Se il valore (ovvero il ricavo) di un cliente è maggiore del costo per acquisire un cliente, sei in buona forma. Le aziende redditizie non si basano su metriche vanity come clic, impressioni e Mi piace. Le attività redditizie sono costruite attraverso metriche che possono essere effettivamente depositate presso la banca, quindi focalizza la tua attenzione su quelle.

Errore n. 2: concentrarsi sulle tattiche sbagliate

Non mancano certamente tattiche e strumenti su cui le piccole imprese possono spendere i loro dollari di marketing oggi. Sfortunatamente, troppe piccole imprese gravitano solo verso le tattiche di tendenza e ignorano le tattiche di marketing essenziali. Concentrano tutto il loro tempo e denaro su tattiche che generano Mi piace, follower e aperture, ignorando le tattiche essenziali che portano alla conversione, alla fidelizzazione dei clienti e alla reputazione online che generano dollari. Il risultato è un piano di marketing che li tiene occupati e che si sentono bene, ma un conto economico che li fa venire il mal di stomaco.

Invece di inseguire tutte le tendenze di marketing più calde, i proprietari di piccole imprese dovrebbero concentrarsi prima di tutto sulla massimizzazione delle entrate dai clienti esistenti, aumentando la percentuale di lead che diventano clienti e offrendo un'esperienza cliente che crei fan entusiasti. Questi elementi essenziali sono la base per un'attività redditizia e senza stress. Certamente non renderanno la tua attività interessante come saltare sul nuovo carro dei social media più in voga, ma ti faranno guadagnare - e non è questo il motivo per cui hai iniziato la tua attività in primo luogo?

Errore n. 3: concentrarsi sulla marca sbagliata

Negli ultimi dieci anni, il potere di definire il marchio di un'azienda è passato dall'azienda ai consumatori. Dieci anni fa le aziende hanno svolto esercizi agonizzanti per definire il proprio marchio e quindi hanno sfruttato il marketing per dire ai consumatori cosa pensavano fosse il loro marchio. È cambiato tutto. Nel mondo di oggi, i consumatori definiscono il marchio di un'azienda e fanno leva sulla tecnologia e sui social media per dire all'azienda - così come a centinaia, se non migliaia, di altri consumatori - qual è realmente il loro marchio. E lo fanno 24 ore su 7, 365 giorni su XNUMX, XNUMX giorni l'anno.

Sfortunatamente, la maggior parte delle aziende (grandi e piccole) non è riuscita ad adattare il proprio marketing per riflettere questa trasformazione. Continuano a concentrare il marketing sul raccontare e vendere. Inviano email di massa, cartoline modello e fanno affidamento sugli sconti per fidelizzare i propri clienti. I marchi definiti dal consumatore, d'altra parte, concentrano il loro marketing sull'esperienza e sulla relazione del cliente. Inviano note di ringraziamento, e-mail di soddisfazione e offrono un'esperienza coerente e di livello mondiale per fidelizzare i propri clienti.

Le tattiche sono le stesse, ma l'attenzione è diversa. Inizia definendo l'esperienza che desideri offrire ai tuoi clienti e poi costruisci il tuo marketing attorno alla promozione di quell'esperienza e alle tue operazioni intorno alla consegna. Non c'è assolutamente niente di sbagliato nel decidere cosa vuoi che sia il tuo marchio, ma alla fine sono i consumatori che decideranno se è davvero quello che è.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.