Marketing del prodotto: l'anatomia di un'esperienza di unboxing

Esperienza di unboxing

Alcuni di voi potrebbero alzare gli occhi al cielo, ma la prima volta che ho visto una confezione di prodotti davvero straordinaria è stata quando un buon amico ha acquistato una AppleTV per me. È stato il primo dispositivo Apple che abbia mai ricevuto e l'esperienza molto probabilmente mi ha portato alle dozzine di prodotti Apple che ho ora. Una delle esperienze di unboxing più sorprendenti è stata il mio primo MacBook Pro. La scatola era assolutamente perfetta e il MacBook si posizionava perfettamente mentre facevi scorrere indietro la confezione per vederlo. Sembrava e si sentiva speciale ... così tanto che non vedo l'ora di ricevere un nuovo MacBook Pro ogni pochi anni (sono in ritardo in questo momento).

Contrastalo con un laptop che ho acquistato l'anno scorso. Non era un laptop Windows economico ma sono rimasto incredibilmente sorpreso quando lo hanno lanciato. Era confezionato in semplice cartone marrone e l'alimentatore era avvolto in un sacchetto e infilato in una scatola di carta bianca e sottile. Mentre il laptop era bellissimo, l'unboxing non lasciava nulla all'immaginazione. Onestamente è stato deludente. Peggio ancora, mi sono chiesto se l'azienda dietro il laptop stesse davvero cercando di impressionarmi o semplicemente di risparmiare qualche soldo sulla confezione.

I consumatori oggi sono distaccati dall'esperienza di acquisto e si stanno allontanando dalla gratificazione immediata un tempo provata quando acquistavano in negozio. Questo è il motivo per cui dovrebbe essere prioritaria concentrarsi sulle aree rimanenti dell'esposizione del marchio ai clienti. L'ottimizzazione dell'esperienza di unboxing non deve essere trascurata se si considera il suo impatto sulla soddisfazione complessiva del cliente. Jake Rheude, Red Stag Fulfillment

Abbiamo progettato alcuni inserti per i nostri clienti da includere nei loro prodotti di e-commerce nel corso degli anni. Uno era un semplice biglietto di ringraziamento con uno sconto tracciabile che porta a una migliore fidelizzazione. Un'altra era una carta di condivisione sociale che conteneva tutti gli account social dell'azienda e un hashtag per condividere una foto dell'ordine online. Ogni volta che un cliente condivideva il proprio ordine, l'azienda lo condivideva tramite i social media. È stato un ottimo modo per riconoscere i propri clienti online e ottenere un po 'di condivisione sui social per attirare nuovi clienti.

Questa è una delle aree di interesse che Red Stag Fulfillment ha condiviso come best practice nella sua infografica, Anatomia della perfetta esperienza di unboxing. Gli esperti hanno analizzato ciò che produce il maggior impatto con i clienti, tra cui:

  • The Box - il design esterno della scatola, il nastro da imballaggio e l'interno della scatola.
  • Materiale di riempimento e imballaggio - carta velina di marca, carta pieghettata e materiale da imballaggio imbottito.
  • Presentazione del prodotto - evidenziare il prodotto principale e nascondere accessori e documentazione.
  • Andare al di sopra e al di là - offrire una prova gratuita, inclusa un'etichetta di reso, e promuovere la condivisione sui social.
  • Importanza degli inserti - aggiungere una nota personalizzata e materiale di marketing che pubblicizzi altri prodotti e promozioni pertinenti.

L'infografica descrive ciascuno di questi e offre ulteriori consigli sulle insidie ​​più comuni, tra cui scatole di grandi dimensioni, noccioline di schiuma, imballaggi complicati e nastro debole.

La perfetta esperienza di unboxing

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.