Ridurre i carrelli abbandonati durante le festività natalizie: 8 consigli per influire sulle vendite

Venerdì nero

Di recente ho visto un file video di un manager di Target in piedi in cima alla sua cassa, che pronuncia un discorso entusiasmante al suo staff prima di aprire la porta agli acquirenti del Black Friday, radunando le sue truppe come se li stesse preparando per la battaglia.

Nel 2016, il caos del Black Friday è stato più grande che mai. Sebbene gli acquirenti abbiano speso in media $ 10 meno dell'anno scorso, nel 2016 ci sono stati tre milioni di acquirenti in più del Black Friday rispetto al 2015, guidando $ 3.34bn (un aumento del 33%) nelle vendite.

Tuttavia, fortunatamente per il personale che ha dovuto prepararsi per gli assedi, un numero maggiore di acquirenti ha optato per l'acquisto online, piuttosto che nei negozi di mattoni e malta. Nel 2015, circa 103 milioni di persone hanno acquistato online durante il Black Friday, rispetto ai 102 milioni in negozio. Quest'anno, questo cambiamento è diventato ancora più importante, con oltre 108 milioni di acquirenti che acquistano online e 99.1 milioni che sfidano le occasioni di persona secondo il NRF.

In particolare, il mobile è emerso come vincitore del Black Friday 2016, con rivenditori come Amazon, Walmart e Target che hanno segnalato il loro giorno più impegnativo per il traffico mobile. Anche prima della fine del venerdì, i rivenditori avevano riportato un record $771 milioni di entrate da # dispositivi mobili

Meglio ancora, si dice che i tassi di conversione abbiano aumentato di 16.5% dal 2015, con tassi di abbandono del carrello in calo del 3%. Mentre potresti pensare che questo sia un motivo per scoppiare il Prosecco e congratularti con te stesso per un lavoro ben fatto, è necessaria una certa prospettiva: nel 2016, i rivenditori hanno ancora perso il 69% degli acquirenti online del Black Friday che hanno abbandonato l'acquisto.

A nessuna organizzazione piace lasciare i soldi sul tavolo e cercare di recuperarli rappresenta una corsa contro il tempo - dopotutto, non molti clienti probabilmente continueranno un acquisto costoso una volta trascorso il Black Friday. Inoltre, alcuni dei soliti incentivi di sconto non sono applicabili in questo caso. Con questo in mente, ecco alcuni suggerimenti per affrontare il recupero del carrello durante le festività natalizie.

  1. Fatti furbo: Il software di marketing in tempo reale dovrebbe essere il tuo punto di partenza. Con questa tecnologia, ciò ti consente di creare e-mail con "blocchi intelligenti": sezioni di contenuto personalizzato che ti consentono di inserire banner, timer per il conto alla rovescia, consigli personalizzati e prove sociali nella tua messaggistica di recupero attivato.
  2. Tracciamento in tempo reale: Con il tempo è essenziale, essere in grado di monitorare l'abbandono del carrello mentre accade è fondamentale. Mentre alcuni metodi possono richiedere del tempo per avvisarti dell'abbandono (in attesa del timeout di una sessione, ad esempio), utilizza un software in grado di tracciare l'abbandono in tempo reale, attivando immediatamente un'e-mail di recupero contenente il contenuto del loro carrello.
  3. Rendi il loro ritorno facile: Se rivuoi indietro il cliente, rendilo facile. Il contenuto del loro carrello, completo di un'immagine accattivante del loro prodotto, è ovvio, e così dovrebbe esserci anche un invito all'azione prominente che li riporterà rapidamente nel percorso del cliente per riprendere da dove si erano interrotti.
  4. Personalizzalo: Un gentile promemoria con un saluto personale e / o consigli personalizzati per completare il carrello potrebbe non solo indurli a tornare, ma anche incoraggiare ulteriori acquisti d'impulso.
  5. Crea un senso di urgenza: Se il pensiero di milioni di altri acquirenti alla ricerca simultanea di occasioni non è sufficiente per motivare un acquisto, un'e-mail di recupero che mostra i livelli attuali delle scorte potrebbe martellare la realtà.
  6. Ricorda loro perché hanno buon gusto: L'acquirente aveva dei ripensamenti? Rafforza la loro decisione con testimonianze positive dei clienti o recensioni degli utenti per incoraggiarli a tornare.
  7. Semplifica la loro vita: Le spese di spedizione inaspettate sono spesso citate come causa di abbandono del carrello: costi di affrancatura sostanziali potrebbero impedire a un'offerta per le vacanze di essere un vero affare. Tuttavia, un messaggio di recupero del carrello è una buona opportunità per ricordare agli acquirenti qualsiasi opzione di consegna clicca e ritira o alternativa che offri.
  8. Elimina ogni dubbio: Con la possibilità di risparmiare, la tentazione dell'impulso sarà più alta del solito. Tuttavia, l'impulsività può portare rapidamente al rimpianto e all'abbandono prima dell'acquisto. Rassicurati in un messaggio di recupero che indichi la tua politica di restituzione, eventuali garanzie di rimborso che offri e se consegni gratuitamente.

Dal punto di vista del consumatore, è facile entrare in empatia con alcune delle loro possibili ragioni per salvare una vendita. Con il tempo (e la rapida diminuzione dei livelli delle scorte) contro di loro, la necessità di un processo di pagamento semplice, rapido e senza interruzioni è vitale. Per quei siti che richiedono uno speciale codice Black Friday, essere in grado di applicare facilmente e vedere i risultati dello sconto (insieme alle spese di spedizione) prima di arrivare alla fase di pagamento può effettuare o interrompere una conversione.

Così è anche la necessità di processi di registrazione semplificati. Con i clienti che probabilmente visiteranno siti che non hanno prima, l'assenza di un "checkout degli ospiti" o di dover compilare un lungo modulo prima di provare a entrare in possesso dell'ultimo MacBook Pro crea un ostacolo significativo.

Con un processo di checkout che è stato affinato e ottimizzato per essere senza stress su desktop, tablet o dispositivo mobile, completo di un arsenale di recupero del carrello completamente attrezzato, hai ancora tempo per avere un impatto positivo sulle vendite prima della fine dell'anno.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.