La SEO è morta

Schermata 2012 04 06 su 8.35.14 AM

La SEO è morta come la conosciamo. La vecchia matematica dell'aumento dei backlink e delle parole chiave in eccesso è ora un obiettivo per Google per identificare il tuo sito e seppellirlo nei risultati di ricerca. La SEO non è più un problema di matematica, è umano. Gli indicatori sociali stanno diventando fondamentali per il posizionamento e gli algoritmi di collegamento vengono ritirati. È ora che tu veda la verità sulla SEO ... e ti adegui di conseguenza.

Ovviamente abbiamo utilizzato un bel titolo di baity per attirare l'attenzione, ma è il momento qualcuno si alzò e lo disse. La SEO tradizionale non è più una soluzione praticabile per le aziende su cui investire. Certo, le persone utilizzano ancora i motori di ricerca ... e continuiamo a garantire che i nostri clienti si trovino su piattaforme solide e veloci che presentano i loro contenuti in modo appropriato per l'indicizzazione. Ma non stiamo più utilizzando le vecchie metodologie per cercare di capire come spremere le parole chiave o per ottenere i backlink con qualsiasi mezzo necessario.

Un vero e nuovo pacchetto SEO va ben oltre l'ottimizzazione del sito e link building e incorpora analisi di conversione per determinare le parole chiave, scrivere contenuti accattivanti, rendere più facile per i lettori condividere quel contenuto, impiegare connessioni di pubbliche relazioni per trovare opportunità per condividere quel contenuto e promuovere il diavolo di quel contenuto.

Questa presentazione è stata originariamente sponsorizzata e mostrata tramite un webinar con Compendio. Oggi è stato inserito nella home page di Slideshare!

AGGIORNAMENTO 10/4/2012: Google ha aggiornato le sue linee guida per i webmaster e in particolare targeting di schemi di collegamento e raccomandando il nofollow per tutti i link che sono stati pagati.

Commenti

  1. 1

    I link off-page costituivano la maggior parte dei punti di forza prima. Ora, quei "voti" che stavamo cercando di raccogliere hanno assunto la forma di condivisione (sociale).

    Come sempre, crea semplicemente cose fantastiche che le persone vogliono condividere con tutti. Ma non finisce qui. Deve esserci un elemento umano in esso - prendi Jason per esempio. Vuoi entrare in contatto con lui (anche a causa delle sue azioni nel mondo reale) e vuoi condividere le grandi cose che crea, il che alla fine porta a un qualche tipo di conversione che lo avvantaggerà. (o tu)

    La ricerca non è necessariamente morta, come lo è il modo in cui giochi nell'ambito delle regole di Google.

  2. 6

    Con i miei tre blog che vengono spammati di backlink, sarò molto felice di vedere questa tendenza passare di moda! Fantastico, finalmente si tratta di contenuti reali - beh, lo spero comunque!

    • 7

      Sette mesi dopo, i link spam del blog continuano ad arrivare! Tuttavia, il nuovo regime è ottimo per quelli di noi che si preoccupano dei contenuti e si preoccupano dei migliori risultati provenienti da una ricerca su Google

  3. 8
  4. 9

    A Google piace ciò che piacerà ai suoi utenti. Quindi, non vuoi ottimizzare così tanto per i motori di ricerca come fai per il tuo pubblico di destinazione. Crea ottimi contenuti di cui sai che i membri del pubblico di destinazione trarranno vantaggio.  

  5. 10

    Mi piacerebbe vedere le persone rilasciare studi che mostrano categoricamente il "nesso di causalità" tra i primi posti e la condivisione sui social. Nella maggior parte dei casi questo è ancora un segnale piuttosto debole. La condivisione sui social porta a molte altre cose buone come visite, forse collegamenti secondari come risultato di più bulbi oculari, ecc. Ecc. Ma come segnale di classificazione da solo, non ho visto nessun grande studio su come influenzano i risultati di ricerca in un importante modo. Senza dubbio lo faranno alla fine.

    Inoltre, è davvero discutibile se possiamo semplicemente iniziare a lanciare nuove cose nell'acronimo SEO. Significa "ottimizzazione per i motori di ricerca". La conversione avviene su un sito e ha poco a che fare con l'ottimizzazione di una pagina per i motori di ricerca. Non sto dicendo che questo non sia importante per le aziende. Ma vedo innumerevoli post che raggruppano cose nuove in ciò che significa SEO, anche quando hanno poco senso.

    In sostanza sono totalmente d'accordo con il sentimento della presentazione delle diapositive, ma non sono d'accordo con "i collegamenti a ritroso ... non avranno più un impatto sulla tua attività quanto la scrittura di ottimi contenuti". Questo dipende da così tante cose, la realtà è che hai bisogno di entrambi, uno dovrebbe guidare l'altro.

    • 11

      sei intelligente. Non c'è nessuna causa, esattamente. I risultati con i migliori risultati hanno più Mi piace su Facebook perché ottengono più traffico e sono probabilmente di qualità superiore all'inizio (i fattori che si traducono in qualità si traducono anche in un ranking di ricerca elevato). Ovviamente i migliori risultati per termini competitivi hanno più azioni sociali, ma non sono classificati in alto a causa delle azioni sociali - hanno più azioni sociali perché sono classificati in alto. L'ho testato a morte in diverse categorie, NON C'È ALCUNA CAUSA - e voglio assumerti per un moccioso postino.

    • 13

      @searchbrat: disqus @etelligence: disqus @ twitter-15353560: disqus Google ha confermato nel 2010 che il social è stato utilizzato per determinare l'autorità per il posizionamento in questo video: http://www.youtube.com/watch?v=ofhwPC-5Ub4

      Le recenti modifiche all'algoritmo continuano a classificarlo più pesantemente. Branded3 ha fatto un semplice test utilizzando i Twitter Retweet. http://www.branded3.com/tweets-vs-rankings

      Ci sono anche risultati qui: http://liesdamnedliesstatistics.com/2012/06/social-media-shares-indicate-a-high-google-ranking.html

      E non sono assolutamente d'accordo con te sul backlink. Gli schemi di backlinking inquinano il web e spingono più in alto le pagine povere. Google sta ora avvisando i webmaster all'interno di Strumenti per i Webmaster quando i backlink sembrano essere innaturali. Se non lo hanno già fatto, avranno un impatto negativo sulle tue classifiche. Il modo migliore per produrre backlink è produrre contenuti che li generi in modo naturale ... non uscire e forzarli. Se lo fai per i clienti, stai violando i Termini di servizio di Google e tornerà a perseguitare il tuo cliente.

      • 14

        C'è una differenza tra backlinking (tattiche black hat) e solide strategie di link building. Non puoi dire che il backlinking è negativo e non conta più tanto. Devi essere specifico. Dire ai tuoi lettori che il backlink è dannoso è molto vago e può essere fuorviante. Google sta prendendo di mira i link di spam e non i link di qualità. Quindi acquistare link di bassa qualità è una cattiva tattica ma devi assolutamente acquisire link !! Finché ci saranno motori di ricerca ci sarà l'ottimizzazione per i motori di ricerca. Le tattiche e le strategie potrebbero cambiare ma questo non vuol dire che sia morto!

        • 15
          • 16

            Un backlink naturale non lo è, un backlink a pagamento lo è. Se vieni pagato per il backlink, sei un cappello nero. E non diciamo alle persone che "facciamo SEO", diciamo loro che otteniamo risultati di business e che possiamo aiutare a risolvere i problemi introdotti dai consulenti SEO che li mettono a rischio.

  6. 17

    Ho letto innumerevoli blog che annunciavano l'efficacia dei contenuti. Contenuto, contenuto, contenuto !!! Sebbene sia d'accordo, mi piacerebbe vedere un post che analizzi effettivamente i modi in cui i professionisti del marketing possono fornire ai propri clienti informazioni interessanti E attirarli a controllare il sito Web dell'azienda.

    Se il contenuto è la chiave, come definisci il contenuto "buono"?

    • 18

      Ciao Brian,

      Abbastanza semplice per me. Un buon contenuto è un contenuto che spinge i visitatori a fare ciò che stai chiedendo loro di fare. Per ogni azienda, potrebbe essere diverso. Per alcune aziende si tratta di brevi video. Per altri, è una copia lunga. Ecco perché è fondamentale impostare correttamente le analisi e codificare tutti i tuoi eventi e campagne. Prova tutto ... implementa, verifica, misura, perfeziona e ripeti.

      Doug

  7. 19
  8. 20
  9. 21
  10. 22
  11. 23
  12. 24

    Il contenuto che produci per l'esposizione sui social media come marchio non è più rilevante a meno che non abbia rilevanza contestuale con il tuo pubblico di destinazione. Puoi dire quello che vuoi come social media marketer, ma a meno che le persone non siano interessate ad ascoltare ciò che stai dicendo, sei sostanzialmente un rumore bianco irrilevante che passa inosservato a un cocktail party - e ammettiamolo, Facebook è il cocktail definitivo festa, con o senza alcool.

    Il problema è che troppi "esperti" di social media stanno ripetendo senza pensare ciò che è già stato detto da qualcuno che ha effettivamente pensato a ciò che stanno per dire prima di dirlo semplicemente, o per lo meno pensa prima del comunicato stampa onnipresente e propaganda mediatica online. Questi sono blogger glorificati nella migliore delle ipotesi, o curatori di contenuti non retribuiti che cercano di guadagnarsi da vivere copiando e incollando il contenuto di qualcun altro.

    http://chamberlainbell.com/thewordofed/?p=215

  13. 25
  14. 27
  15. 28
  16. 29
  17. 30
  18. 31
  19. 32

    Sono d'accordo che per i motori di ricerca come Google "Content is the king", ma comunque buoni link sono importanti per il posizionamento.

  20. 33
  21. 35

    LOL: Penso che il SEO sia solo in coma dopo l'incidente in autostrada. E sono d'accordo con quei vecchi duri a morire che rigurgitano anche "il contenuto è re". Google, qualsiasi azienda del genere, è destinata a "provare" a spingere i limiti.

  22. 36
  23. 37

    Bel post. Ma SEO
    non è morto. Anche i buoni collegamenti sono ancora importanti per il posizionamento.

  24. 38
  25. 39

    Il nuovo SEO, in cinque passaggi:

    1. Crea un articolo con un titolo ingannevole ma che attiri l'attenzione.
    2. Scrivi un articolo sul blog con poco contenuto effettivo.
    3. Bombardare l'utente con molti metodi per condividere detto articolo.
    4. Parla dell'inutilità dei link su pagine infestate da link.
    5. Raccogliere lo stipendio.

  26. 41
  27. 42

    Questo articolo mi ha convinto che non avevo bisogno di google SEO per scoprire cosa fosse. Sono stato in grado di capire tutto quello che avevo bisogno di sapere: è un acronimo che sta cercando disperatamente di prendere piede ma che non lo farà mai davvero.

  28. 43

    Bahahaha questo è esilarante. Mi ricorda un articolo che Pesach Lattin ha scritto tempo fa. Indovina un po?!! Il Content Marketing è SEO !! Cambiare le regole non cambia il gioco. Si chiama evoluzione. Stiamo ancora giocando a basket qui.

  29. 44

    sì, è morto. Un altro ottimo articolo qui che lo spiega. I motori di ricerca sono un disastro e più cambiano le cose (algoritmi, ecc.) Più diventa complicato. I social media decidono quali contenuti generati dagli utenti desiderano, in modo molto più efficiente. Anche i motori di ricerca sono incorporati in Facebook e Twitter, quindi perché è necessario Google? Puoi trovare qualsiasi azienda e informazione di cui hai bisogno sui social media.

  30. 45
    • 46

      La SEO è ora inclusiva e richiede competenze su tutti i mezzi. La maggior parte delle aziende di SEO puri che conosciamo sono finite, ciò che resta sono agenzie che comprendono il quadro più ampio e capiscono come sviluppare contenuti, strategie sociali, mobili e di PR, sfruttando gli sforzi su tutti i mezzi.

  31. 47

    In linea di principio sono d'accordo con il nucleo del sentimento, ma dimentica "SEO è morto" e pensa invece di più a "SEO si è evoluto". Certamente il tuo vecchio SEO (tonnellate di backlink con parole chiave e / o parole chiave in eccesso sul sito) è morto come un chiodo, ma penso sia giusto sostenere che un BUON SEO (al contrario della maggioranza SEO) è davvero UXO con un altro nome.

    Si tratta di ottimizzare l'esperienza di un utente dal primo tocco in poi (e certamente non finisce con la conversione o il contatto o "inserisci l'obiettivo qui" come molte persone sembrano pensare), e sebbene questo possa includere e include alcune considerazioni come markup e "ottimizzazione" del buon senso, molti di questi si riducono anche a build web buone e accessibili e semplicemente al vecchio buon senso.

    Il problema a mio avviso è che troppe persone pensano al SEO in un silo come a qualcosa che fai separatamente, mentre in realtà, se lo fai bene, il SEO è qualcosa che farai naturalmente mentre vai avanti con gli affari come al solito per il tuo sito web. Dovrebbe essere pensata meno come un'attività di "marketing" e più come un'attività di "igiene", come il controllo ortografico!

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.