3 cose che Run-DMC mi ha insegnato sui social media

Run-DMC Immagine per gentile concessione di Flickr http://www.flickr.com/photos/johannahobbs/
Run-DMC Immagine per gentile concessione di Flickr http://www.flickr.com/photos/johannahobbs/

Run-DMC Immagine per gentile concessione di Flickr http://www.flickr.com/photos/johannahobbs/

Chiamami un prodotto dell'educazione alle arti liberali, ma credo fermamente che la propria visione del mondo dovrebbe essere informata da quante più fonti ed esperienze possibili. Leggere l'ultimo libro di un esperto nel tuo campo è fantastico. Consumare il maggior numero possibile di post sul blog e articoli di notizie sul tuo settore è utile. È consigliabile partecipare a conferenze e partecipare a presentazioni per far progredire la tua carriera.

Ma è anche importante guardare fuori dalla solita orbita per formare le tue prospettive. C'è un grande grande mondo là fuori, e se non ne stai approfittando al massimo ti stai perdendo.

Con questo in mente, permettimi di rimandare ai Kings of Rock, i progenitori dell'hip-hop, Run DMCe quello che mi hanno insegnato sui social media.

Parli troppo

Ovunque tu vada, non importa dove ti trovi / Ho detto che parli di questo, e ne parli ... Parli quando sei sveglio, ti ho sentito parlare quando dormi / Qualcuno ti ha mai detto che parlare è scadente ?

Il classico colpo contro Twitter è sempre stato "Non mi interessa leggere quello che le persone hanno mangiato a pranzo". Sebbene sia chiaro che Twitter e altri canali di social media sono più utili rispetto al semplice dettaglio delle proprie abitudini culinarie, è possibile condividere eccessivamente.

Ci sono molte ricerche e le infografiche di accompagnamento che forniscono prove del numero ottimale di condivisioni sui social media al giorno. Assumerò intelligenza da parte vostra e non approfondirò ciò che è prontamente disponibile.

Piuttosto raccomando il semplice buon senso in materia. A nessuno piace essere inondato di spam, anche se ha scelto di iscriversi ai tuoi post. La quantità non prevale in alcun modo sulla qualità, soprattutto se significa infastidire i tuoi follower fino al punto di esodo.

È complicato

È difficile suonare una rima, fare una rima che sia giusto in tempo, è difficile.

Uno degli obiettivi primari del coinvolgimento sui social media è l'amplificazione: convincere i tuoi fan e follower a difendere il tuo marchio e il tuo messaggio ricondividendo i tuoi contenuti. Questi follower seguono anche molti altri marchi, celebrità e i loro amici personali. Come fai a eliminare tutto quel rumore e ispirare l'azione?

Un modo è ottimizzare i tempi di pubblicazione per far risaltare i tuoi contenuti. Non mancano i dati che suggeriscono che determinati giorni e orari sono migliori per la pubblicazione di contenuti, quindi è più probabile che vengano visualizzati. È una buona idea sfruttare questi dati e fare tutto il possibile per mettere in evidenza i tuoi contenuti.

Hollis Crew (Crush Groove 2)

Ho rime così def, rime, rime a bizzeffe / Rime che non hai mai nemmeno sentito prima / Ora se dici di aver sentito le mie rime, dovremo litigare / Perché ieri sera ho fatto le rime super-def.

Man mano che ogni aggiornamento li rende più intelligenti, i motori di ricerca setacciano i contenuti sempre di più come fanno gli esseri umani. Ciò significa che, come i tuoi lettori, preferiscono i contenuti originali. I contenuti nuovi e costantemente aggiornati con la tua prospettiva unica (o del tuo marchio) sono fondamentali per ottenere e mantenere un seguito.

È tutto troppo facile imbrogliare la tua strada verso nuovi contenuti riproponendo o ripubblicando comunicati stampa o distribuendo contenuti. Devi assicurarti di pubblicare contenuti interessanti, pertinenti e di valore, e soprattutto originali. Altrimenti non hai una proposta di valore univoca e non stai fornendo nuove informazioni o approfondimenti. Questo è un modo rapido per una città fantasma sui social media.

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.