Tre modelli per la pubblicità nel settore dei viaggi: CPA, PPC e CPM

Modelli pubblicitari del settore dei viaggi - CPA, CPM, CPC

Se vuoi avere successo in un settore altamente competitivo come quello dei viaggi, devi scegliere una strategia pubblicitaria in linea con gli obiettivi e le priorità della tua attività. Fortunatamente, ci sono molte strategie su come promuovere il tuo marchio online. Abbiamo deciso di confrontare i più popolari e valutarne pro e contro.

Ad essere onesti, è impossibile scegliere un unico modello che sia il migliore ovunque e sempre. Le grandi marche utilizzano più modelli, o addirittura tutti contemporaneamente, a seconda della situazione.

Modello Pay-Per-Click (PPC).

Pay per click (PPC) la pubblicità è una delle forme più popolari di pubblicità. Funziona in modo molto semplice: le aziende acquistano annunci in cambio di clic. Per acquistare questi annunci, le aziende utilizzano spesso piattaforme come Google Ads e la pubblicità contestuale.

PPC è popolare tra i marchi perché è semplice e facile da gestire. A seconda delle tue esigenze, puoi determinare dove risiede il tuo pubblico, aggiungendo tutte le caratteristiche di cui hai bisogno. Inoltre, i volumi di traffico sono illimitati (l'unico limite è il budget).

Una pratica comune in PPC è l'offerta del marchio, quando le aziende fanno offerte in base ai termini del marchio di una terza parte per batterle e attirare i propri clienti. Spesso le aziende sono costrette a farlo perché i concorrenti acquistano pubblicità in base alle richieste del marchio dei concorrenti. Ad esempio, quando cerchi Booking.com su Google sarà il primo nella sezione gratuita ma il blocco degli annunci con Hotels.com e altri marchi viene prima. Il pubblico alla fine va a colui che acquista la pubblicità PPC; quindi, Booking.com deve pagare anche quando è il leader della ricerca gratuita. Se l'azienda che stai cercando non compare nella sezione degli annunci, potrebbe perdere clienti in pieno giorno. Pertanto, tale pubblicità si è diffusa ovunque.

Tuttavia, il modello PPC ha un enorme svantaggio: le conversioni non sono garantite. Le aziende possono valutare i risultati delle campagne in modo da poter interrompere quelle non efficaci. È anche possibile che un'azienda spenda più di quanto guadagna. È il rischio più importante da considerare in ogni momento. Per mitigare, ti consiglio di assicurarti che le tue campagne raggiungano il tuo pubblico di destinazione. Mantieni una mente aperta e rimani flessibile.

Costo per miglio (CPM) Modello

Il costo per miglio è uno dei modelli più popolari per coloro che vogliono ottenere una copertura. Le aziende pagano ogni mille visualizzazioni o impressioni di un annuncio pubblicitario. Viene spesso utilizzato nella pubblicità diretta, come quando un punto vendita menziona il tuo marchio nei suoi contenuti o altrove.

Il CPM funziona particolarmente bene per aumentare la consapevolezza del marchio. Le aziende possono misurare l'impatto utilizzando una varietà di indicatori. Ad esempio, per aumentare il riconoscimento del marchio, un'azienda esaminerebbe il numero di volte in cui le persone cercano il marchio, il numero di vendite, ecc.

Il CPM è onnipresente influencer marketing, che è ancora un campo relativamente nuovo. Negli ultimi anni, c'è stato un aumento esponenziale degli influencer nel settore.

La dimensione del mercato globale della piattaforma di influencer marketing è stata valutata a 7.68 miliardi di dollari nel 2020. Si prevede che si espanderà a un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 30.3% dal 2021 al 2028. 

Grand View Research

Tuttavia, il CPM presenta anche alcuni inconvenienti. Ad esempio, alcune aziende rifiutano questa strategia nelle prime fasi della loro attività perché è difficile valutare l'impatto di questi annunci pubblicitari.

Costo per azione (CPA) Modello

Il CPA è il modello più equo per l'attrazione del traffico: le aziende pagano solo per una vendita o altre azioni. È relativamente complicato, poiché è impossibile lanciare una società pubblicitaria in 2 ore, come PPC, ma i risultati sono molto più affidabili. Se lo fai subito all'inizio, i risultati saranno misurabili in ogni aspetto. Ciò ti consentirà di raggiungere il tuo pubblico di destinazione e di fornirti dati quantitativi sull'efficacia delle tue campagne.

So di cosa parlo: la rete di marketing di affiliazione che la mia azienda – Indennità di viaggio – fornisce opera sul modello CPA. Sia le compagnie di viaggio che i blogger di viaggio sono interessati a una buona cooperazione poiché le aziende pagano solo per l'azione, mentre allo stesso tempo ricevono copertura e impressioni, e i proprietari di traffico sono molto interessati a pubblicizzare prodotti o servizi rilevanti per il loro pubblico, poiché guadagnano commissioni più elevate se i clienti acquistano i biglietti o prenotano un hotel, un tour o un altro servizio di viaggio. Il marketing di affiliazione in generale – e Indennità di viaggio in particolare – è utilizzato da giganti compagnie di viaggio come Booking.com, GetYourGuide, TripAdvisor e migliaia di altre società di viaggio.

Anche se il CPA potrebbe sembrare la migliore strategia pubblicitaria, ti consiglio di pensare in modo più ampio. Se speri di coinvolgere un ampio segmento del tuo pubblico di destinazione, questa non può essere la tua unica strategia. Quando lo incorpori nella tua strategia aziendale, tuttavia, raggiungerai un pubblico più ampio in generale perché combinerai il pubblico dei tuoi partner. Non è possibile per la pubblicità contestuale raggiungere questo obiettivo.

Come nota finale, ecco un consiglio: è importante ricordare che nessuna delle strategie elencate è la soluzione definitiva. Ciascuno di essi presenta delle insidie, quindi assicurati di trovare la giusta combinazione di strategie in base al tuo budget e ai tuoi obiettivi.