Cosa funziona e cosa no nella pubblicità online + benchmark chiave

88135304 m 2015

MarketingSherpa's Pubblicità online 2008 e guida di riferimento + benchmark nasce dalla convinzione che la pubblicità online attualmente sia fraintesa e, di conseguenza, sottoutilizzata. Questo non vuol dire che gli inserzionisti esistenti debbano semplicemente aumentare la spesa online. Piuttosto, riteniamo che gli inserzionisti in grado di trovare un equilibrio tra un targeting economico ed efficiente e una pubblicità ingombrante e altamente coinvolgente otterranno un ROI molto migliore per se stessi e un'esperienza online molto più positiva per i consumatori. Molti pezzi in movimento si inseriscono in una campagna online, quindi non è un compito facile.

Il primo ostacolo, che deve essere superato, è che la matematica dei media vecchia scuola si basa sui limiti dei media tradizionali, lineari e analogici e non riflette la realtà dei media digitali non lineari. Per questo motivo, la matematica dei media digitali deve diventare più sofisticata e più accettata dai professionisti dei media. Uno dei modi più ovvi per aggiungere raffinatezza agli acquisti di media digitali è quello di dare un'occhiata più da vicino alla frequenza. I media tradizionali non consentono di controllare la frequenza a livello individuale, ma il digitale sì. A tal fine, abbiamo ottenuto dati da InsightExpress che mostrano come la frequenza influisce sull'efficacia degli annunci, abbiamo esaminato i tassi di conversione aggregati per frequenza di esposizione da Doubleclick e quindi spiegato come implementare una politica di limite di frequenza che abbia senso per ciascuna strategia pubblicitaria.

Un altro limite della pianificazione e della matematica dei media tradizionali è la mancanza di considerazione per la qualità a livello del singolo consumatore. Con le tecniche di acquisto tradizionali, una certa quantità di "spreco" è intrinseca e difficile da spiegare. Gli inserzionisti digitali possono e devono tenere conto di metriche qualitative quando pianificano i media. Ciò può assumere molte forme, dal targeting comportamentale avanzato all'assegnazione di valore in base ai tassi di conversione. Mostriamo i modi per assegnare la qualità ai posizionamenti tramite eyetracking e l'efficacia dei media attraverso studi sull'efficacia crossmediale. Il punto è che calcolare la portata effettiva piuttosto che solo la portata dovrebbe essere la norma sulle piattaforme digitali.

Non pensiamo che ci sia una bacchetta magica per creare l'annuncio perfetto e incoraggiamo davvero le persone a diventare creative e provare cose nuove. Secondo la nostra ricerca, sono gli inserzionisti che provano cose nuove e le testano costantemente che ottengono risultati consistenti. Incoraggiamo fortemente la ricerca e i test e mostriamo la prova dal nostro sondaggio che la ricerca qualitativa, che influisce sulle informazioni che entrano nella creazione di annunci, può effettivamente essere più efficace dal punto di vista del ROI rispetto al miglioramento del monitoraggio o dei test A/B.

Il targeting contestuale e comportamentale migliora la pubblicità online

Infine, Analytics deve migliorare nell'incorporare metriche modellate per l'efficacia. Progettando dashboard di branding che incorporano entrambe le metriche del marchio proiettate dai dati campione del sondaggio con metriche monitorate e osservate come impressioni e clic, è possibile per i professionisti del marketing ottenere un quadro più completo di ciò che sta realmente accadendo con una campagna online. Ci sono troppi dati e non abbastanza informazioni là fuori.

Non abbiamo tutte le risposte, ma ne abbiamo molte e, laddove non le abbiamo, speriamo di fornire discussioni, nuove idee e test. spingendo pubblicità on-line da dove è a dove potrebbe essere sarà un processo lento, ma non vediamo l'ora di partecipare.

Commenti

  1. 1

    non succederà. non c'è pubblicità nei social media oltre ai banner pubblicitari. Tutto il resto è SPAM. La cosa migliore è il posizionamento del prodotto su YouTube

  2. 2

    Attualmente sono alla conferenza Ad Tech a Parigi e il tema ricorrente principale qui sono tre cose:

    1. Portata mirata: sebbene i contenuti e la qualità siano molto importanti, conoscere le abitudini dei tuoi lettori è ancora più importante. I siti di social networking sono la scelta più ovvia semplicemente perché memorizzano la maggior parte delle informazioni sui propri utenti. Tuttavia, con il passare del tempo e i buoni siti di contenuto basano i propri lettori sugli abbonati, indipendentemente dal fatto che il contenuto sia gratuito o premium, questi siti saranno il luogo di posizionamento ideale per la pubblicità online. La creazione della rete di blogger Forbes 400 ne è la prova.
    2. Spesa pubblicitaria online - Michael Kleindl di Wunderloop ha affermato che entro un anno dalla percentuale totale di tutta la spesa pubblicitaria, che si tratti di TV, radio, giornali, ecc., Il 10% sarà online. Personalmente ha pensato che anche il 10% fosse troppo basso ed è dell'opinione che il Regno Unito si avvicinerà al 50% entro un anno.
    3. Con la crescita della TV digitale, cresce anche la pubblicità televisiva online. Un altro fattore importante è l'aumento della velocità di Internet. Alcune aziende (dovrò controllare i miei appunti) stanno promettendo velocità di download di 100 MB nelle case private entro un anno. Qualcuno guarderà più la TV via cavo o terrestre una volta che ciò accadrà? Sarà una grande competizione.

    Come ha sottolineato Doug, si tratterà di reportistica e analisi. Questo è probabilmente il motivo per cui le reti pubblicitarie stanno investendo così tanti soldi in una tecnologia di reporting amichevole per i clienti.

    Personalmente, credo che ci siano state una serie di false partenze per Internet. Credo che attualmente lo stiamo sperimentando per dispositivi mobili. Tuttavia, nonostante l'attuale mancanza di visione per una buona pubblicità mobile efficace, Internet ora è composta da un'intera generazione di persone che hanno avuto il tempo di imparare dagli errori del passato e finalmente farlo bene.

    • 3

      Michael,

      Puoi ringraziare Tim di Marketing Sherpa per questo fantastico post: li ho invitati a fare un guest post e hanno messo un argomento eccezionale! Il tuo feedback è eccezionale.

      Doug

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.