WordPress: post correlati Tweaking

wordpress

Se stai usando WordPress, uno dei tuoi plugin richiesti dovrebbe essere il post correlati collegare. Detto questo, ho notato che il volume di parole chiave pubblicate con le mie letture giornaliere stava davvero distorcendo i risultati dei post correlati.

Inoltre, sono rimasto davvero sorpreso dal fatto che il plug-in Articoli correlati fornisse solo un elenco di post correlati prima il post che stai leggendo! E se cambiassi idea (come faccio spesso!)… Non dovresti fornire anche i post pubblicati dopo l'originale ma comunque correlati?

Di conseguenza, ho apportato alcune piccole modifiche al plug-in. Innanzitutto, per fare riferimento ai post sia prima che dopo il post corrente, ho modificato la riga 91 da:

. "AND post_date> = '$ now'" a (AGGIORNATO: 11/15/2011):. "AND post_date! = '$ Now'". "AND post_date <= CURDATE ()"

In secondo luogo, le letture giornaliere sul mio blog vengono pubblicate automaticamente da Del.icio.us sotto un autore specifico (in modo da non cambiare mai la password e rompere la pubblicazione automatica). Per fare ciò, ho appena aggiunto un altro parametro di query per omettere quell'autore dai post che sono stati cercati inserendo la seguente riga dopo la precedente:

. "AND post_author! = 4"

Ho trovato il numero dell'autore semplicemente cercandolo nei miei utenti. Preferisco non complicare le cose unendomi a un'altra tabella: potrebbe ridurre la velocità di visualizzazione di questi risultati e rallentare il tempo di caricamento. Ciò porterà le persone a sentirsi frustrate e ad andarsene.

I vantaggi della visualizzazione di post correlati

Articoli correlati è uno strumento fantastico per qualsiasi blog. I post correlati rafforzano i risultati dei motori di ricerca ingrandendo le parole chiave tramite collegamenti, un elemento importante degli algoritmi dei motori di ricerca.

I post correlati non sono solo un file SEM strumento, però. I post correlati sono uno strumento di conservazione che manterrà gli utenti nel tuo sito. Potrebbero non trovare quello che stavano cercando dove sono atterrati, ma se fornisci loro riferimenti aggiuntivi, potrebbero rimanere nei paraggi!

Commenti

  1. 1

    Fantastico trucco. Non mi ero reso conto che i post correlati scelgono solo i post precedenti del blog ... dovrò modificare il plug-in. Grazie per l'avviso e le istruzioni 🙂
    …e un felice anno nuovo!

  2. 2
  3. 3

    wow .. questo è un bel trucco. Anche se non ho il plug-in per i post relativi a wasabi, ho il plug-in Simple Tags per i post correlati e immagino che debba utilizzare la stessa condizione <data successiva. Grazie per il suggerimento, fammi controllare il codice del plug-in e vedere se riesco a modificarlo per ottenere risultati migliori.

  4. 4

    Chandoo, Simple Tags non utilizza una condizione di data successiva: credo che crei i post correlati in tempo reale, con ogni visualizzazione di pagina (a meno che tu non abbia la cache attivata). Non è la cosa più efficiente per il server, ma significa che otterrà le migliori corrispondenze, indipendentemente dal fatto che siano state pubblicate prima o dopo la visualizzazione del post.

    Doug - scusa per essere andato un po 'fuori tema ...

  5. 6

    Ottimo post! Ma voglio scegliere alcune lendini.

    La tua giustificazione per "(non) unirsi a un altro tavolo" perché:

    "potrebbe ridurre la velocità di visualizzazione di questi risultati e rallentare il tempo di caricamento"

    è fuori base ed è un esempio di ottimizzazione prematura che inibisce la manutenibilità, ed è un peccato vedere persone con un pubblico considerevole consigliare queste cose perché diffonde disinformazione.

    L'unione SQL di cui parli, supponendo che tu abbia degli indici ragionevoli in atto, aumenterà il tuo tempo di risposta al massimo microsecondi. Dovresti avere tonnellate e tonnellate di traffico prima che qualcuno possa notare anche una differenza di mezzo secondo. Ora sì, se ti sforzerai puoi scrivere codice SQL così braindead che funzionerà terribilmente, ma un join aggiuntivo su dati con chiave non è un esempio di ciò.

    Inoltre, piuttosto che sostenere l'hacking del plug-in pubblicato di qualcuno, mi piacerebbe davvero vederti sostenere il suo miglioramento e poi lavorare per includere il tuo miglioramento nel plug-in stesso. Così com'è, potresti convincere alcuni programmatori amatoriali ad applicare le tue modifiche e quindi eseguire l'aggiornamento alla nuova versione del plug-in e perdere le modifiche ma non riescono a capire cosa è andato storto. La tua modifica è positiva, solo una perdita di funzionalità, ma alcuni hack possono causare l'interruzione di un sito se una futura revisione del plug-in principale viene utilizzata sopra quella compromessa.

    JMTCW. Altrimenti continuate così. 🙂

    • 7

      Ciao Mike!

      Grazie per aver risposto, però non sono sicuro di essere d'accordo. Non ho ottimizzato prematuramente ... infatti, ho trovato il modo migliore per ottenere tutte le funzionalità di cui avevo bisogno senza bisogno di apportare ulteriori modifiche. Nel mio libro, dovrebbe essere l'obiettivo di ogni sviluppatore.

      L'ho anche detto potuto influenzare le prestazioni. Non mi sono preoccupato di testare o provare perché non era necessario dato il modo in cui ho ottimizzato il plugin. Ancora una volta - ho ottenuto il 100% delle funzionalità di cui avevo bisogno senza fare un join o aggiungere indici, ecc. Questa è la soluzione giusta nel mio libro.

      Comunque sono d'accordo con te sugli altri tuoi appunti. Sono diffidente nel ripubblicare plugin, mi sento come se stessi ottenendo visibilità sul lavoro di qualcun altro. Ho fatto riferimento al blog dell'autore su questo, quindi forse li terrà in considerazione come funzionalità per il rilascio futuro.

      PS: corretto il montaggio! 🙂

      • 8

        @Douglas: Non sono sicuro di essere d'accordo, però. Non ho ottimizzato prematuramente? Ancora una volta, ho ottenuto il 100% delle funzionalità di cui avevo bisogno senza fare un join o aggiungere indici, ecc.

        Bene, immagino che questa sia la differenza tra qualcuno che guarda la programmazione da perfettivo di professione e un mestiere contro qualcuno che è un professionista che cerca solo di fare qualcosa (e non lo dico in modo peggiorativo; su alcune mailing list suono il ruolo della lettera contro il primo. 🙂

        È simile a come un contabile o un avvocato dice a un imprenditore "Non lo farei"E il proprietario dell'azienda, non immerso in tutte le ramificazioni di cui i professionisti sono consapevoli come * potenziali *, ignora i loro consigli perché sembra uno sforzo eccessivo e va avanti. Dio sa che sono stato quell'imprenditore in passato e sono andato avanti contro ogni consiglio, anche se molto a mio carico in seguito. 🙂

        @Douglas: sono diffidente nei confronti della ripubblicazione dei plugin, ...

        No, non è esattamente quello che stavo dicendo. Quello che stavo dicendo è che dal momento che è open-source puoi contribuire con le tue modifiche all'autore originale, le accetterà e puoi farlo in modo proattivo contattando e offrendo. Attualmente lavoro come consulente di marketing e implementatore di siti Web per editori di stampa di nicchia e utilizzo Drupal per la tecnologia web, e la comunità Drupal contatta sempre gli autori di plugin (Drupal li chiama "moduli") e si offre di aiutare a migliorare i moduli di altri.

        Solo un pensiero.

        PS Grazie per la correzione della modifica.

        • 9

          Buoni punti, Mike!

          Potrei armeggiare con il plug-in per aggiungere l'opzione "Visualizza solo i post prima del post visualizzato". Penso che la seconda opzione sia un po 'più proprietaria per il mio blog, ma controllerò e vedrò che potrebbe interessare all'autore.

  6. 11
  7. 13

    Doug - Potrei perdere qualcosa qui. Sembra che

    AND post_date <= '$now'

    non impedisce che i post creati dopo quel particolare post vengano inclusi, così come impedisce l'inclusione di post che potresti aver impostato per essere pubblicato in futuro.

    Spero che abbia senso e grazie per l'ottimo blog.

  8. 15

    @ Mike: beh, immagino che questa sia la differenza tra qualcuno che guarda la programmazione da perfettivo di professione e un mestiere contro qualcuno che è un praticante che cerca solo di fare qualcosa

    Interessante distinzione. Anche se sarebbe bello che tutto funzioni al meglio possibile, in molti casi sembra poco pratico. Mi sforzo di trovare un equilibrio nella mia programmazione tra il modo in cui vorrei che fosse eseguita una cosa e quanto $ o tempo ci vorrà per ottenerla.

    Mi sforzo di fare il minimo necessario per raggiungere lo scopo che cerco di raggiungere. Trascorrere più tempo non sarebbe conveniente.

    In breve, a meno che quella perdita di efficienza non fosse evidente nel mio blog, non spenderei il tempo extra, se fosse evidente deciderei se il tempo aggiuntivo varrebbe il risultato. La perfezione non è sempre la soluzione migliore.

    • 16

      @ Dwayne: mi sforzo di fare il minimo necessario per raggiungere lo scopo che sto cercando di raggiungere. Trascorrere più tempo non sarebbe conveniente.

      Ovviamente se fare sempre il minimo significa che non impari tecniche migliori facendoti ripetere il minimo molte volte in futuro piuttosto che permetterti di evitarlo, allora hai ottenuto un risultato falso. Sì, molte attività non richiedono uno sforzo aggiuntivo, ma ho visto molte persone prendere scorciatoie come questa in passato ed erano alcune delle persone meno produttive e / o meno creatrici di valore che conoscevo (alcune di loro erano purtroppo i miei dipendenti , ecco perché ho davvero notato la loro mancanza di produttività.)

      @Dwayne: In breve, a meno che quella perdita di efficienza non fosse evidente nel mio blog, non spenderei il tempo extra, se fosse evidente, deciderei se il tempo aggiuntivo varrebbe il risultato. La perfezione non è sempre la soluzione migliore.

      Penso che tu abbia perso i miei punti. Per prima cosa stavo dicendo che Doug stava ottimizzando per efficienze impercettibili, non io, ma ancora più importante se hai intenzione di implementare un hack che può causare problemi di manutenibilità futuri per carità, non pubblicarlo per uso altrui senza almeno dirgli del tipo di problemi di manutenibilità che potrebbe causare in seguito.

      L'ironia del tuo commento è che prendere la strada facile e veloce spesso finisce per costarti molto più tempo in futuro quando installi un aggiornamento di sicurezza per il tuo WordPress, perdi la tua funzionalità compromessa e lo rivuoi indietro. Ora hai un pagliaio con un ago mancante e ora devi capire dove si trovava l'ago.

      Dedicare più tempo alla performance? Bah, generalmente non necessario. Dedicare più tempo alla manutenibilità? Sì, spesso si ripaga da solo a lungo termine.

      In conclusione, sì, è nella natura umana respingere gli avvertimenti per cose che non hanno mai causato dolore a se stessi. Senti il ​​dolore una volta e sarai molto più propenso a dare ascolto agli avvertimenti di altri che hanno già sentito quel dolore.

  9. 17

    Una cosa dovrei dire; Penso che l'hack di Doug sarebbe una buona aggiunta a WordPress, almeno come opzione utente. Sembra piuttosto sciocco limitare i post correlati solo a quelli precedenti.

    INOLTRE, vorrei chiedere a Doug di postare su come vengono pubblicati i suoi post quotidiani da del.icio.us; sarebbe un argomento interessante.

  10. 20

Cosa ne pensi?

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.